Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

PICCONATE AI BLOCCHI, MELONI: “CASO DRAMMATICO”

LA FOTO RITRAE L'OPERAIO AL LAVORO SUI CUBI DELL'ESAOM. IL CONSIGLIERE DI FORZA ITALIA HA SEGNALATO L'EPISODIO ALLA POLIZIA MUNICIPALE. IL COMUNE: L'AZIENDA HA COMUNICATO L'INIZIO DELLA MESSA IN SICUREZZA"

PICCONATE AI BLOCCHI, MELONI: "CASO DRAMMATICO"

Perché sia successo non si sa. Ma questa fotografia dimostra che è successo. Simone Meloni, consigliere comunale di Forza Italia-Pdl ha chiamato le nostre telecamere per denunciare degli “strani movimenti” intorno ai “famigerati” blocchi Esaom.

“Mi sono accorto – ha spiegato Meloni – che del personale, credo di Esaom, stava picconando i blocchi di cemento, alzando polveri nell’aria. Ho provato a contattare il sindaco, che purtroppo non era reperibile, ho contattato la polizia municipale chiedendo di verificare immediatamente cosa sta succedendo. Questo perché a seguito delle mozioni da noi presentate in Consiglio comunale, è venuta fuori un’ordinanza dell’ufficio tecnico che obbliga questa società a mettere in sicurezza l’area, tappando questi blocchi di cemento evitando che le polveri si disperdano nell’aria”.

“Vedendo un operaio – continua Meloni – che senza protezione, non una mascherina, non una tuta, stava distruggendo questi blocchi, ho temuto che si potesse mettere seriamente a rischio la salute e l’incolumità pubblica. Ho quindi chiamato la Polizia municipale perché si attivasse subito per bloccare quello che si stava facendo. A questo punto la situazione è divenuta drammatica, e credo che se non interverrà la polizia municipale a breve, sarà il caso che i partiti politici di centrodestra uniti chiedano l’intervento della magistratura”.

Abbiamo sentito anche il Comune di Portoferraio. Hanno confermato che l’azienda ha comunicato – con una lettera – l’inizio dei lavori per il rispetto delle prescrizioni dettate dall’ordinanza del dirigente dell’ufficio tecnico. Il Comune fa sapere anche di aver attivato una serie di controlli – attraverso l’Arpat – per avere costantemente una misurazione delle polveri nella zona e un monitoraggio dei loro eseguiti. Questo per evitare inutili allarmismi. Alle 16.30 c’è stato un sopralluogo da parte della Polizia municipale portoferraiese.