Quantcast
GLI "UOMINI DI FERRO" IN GARA A MARINA DI CAMPO - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

GLI “UOMINI DI FERRO” IN GARA A MARINA DI CAMPO

SPETTACOLARE EPILOGO DI ELBAMAN, TRIATHLON SULLA DISTANZA IRON MAN. VITTORIA ITALIANA CON GIRASOLE, A UNA SQUADRA ELBANA LA STAFFETTA

GLI "UOMINI DI FERRO" IN GARA A MARINA DI CAMPO

Sulla spiaggia di Marina di Campo quasi 500 persone si sono ritrovate domenica mattina per fare una gara di 3 chilometri e 800 metri di nuoto, 180 chilometri in bici e – per concludere – una maratona intera, di corsa. La gara si chiamava Elbaman, una gara di triathlon sulla distanza Ironman, letteralmente “gli uomini di ferro”.

Era l’alba quando la gara ha preso il via, con il tuffo contemporaneo nelle acque del golfo di Marina di Campo degli atleti , fra cui 160 stranieri provenienti da 21 nazioni. Era già tramontato il sole, invece, quando gli ultimi di loro hanno concluso – con un barlume di felicità sul volto, quasi a scacciare l’immane fatica – una gara di 226 chilometri e 715 metri fra nuoto, bici e corsa a piedi. Ma cosa spinge questi atleti a uno sforzo estremo come questo?

“Per un appassionato di triathlon è una sfida che non si può mancare – ci ha detto il gigliese Alessandro Bossini , primatista della traversata a nuoto Montecristo – Isola del Giglio – io sono alla mia prima esperienza su questa distanza, ce la metterò tutta per arrivare in fondo”. E in fondo, Alessandro ci è arrivato piuttosto bene, perché ha concluso in 18.ma posizione assoluta. “Non è tanto diverso da un’altra gara – ci ha detto ancora Alessandro Alessandri, il riminese vincitore dell’ Elbaman 2007 – a parte la continua ricerca di migliorare se stessi, per me l’obiettivo è vincere, bisogna essere preparati per una gara che dura oltre 9 ore”.

Alessandri, per la cronaca, quest’anno si è dovuto accontentare del 4.o posto, preceduto dagli italiani Federico Girasole – vincitore in9ore 49minuti e 26 secondi – e Matteo Annovazzi, secondo a 3’30”. Terza piazza per il belga Thierry Claes, a 8 minuti. Molti gli atleti elbani che si sono messi alla prova in questa gara: 29.o alla fine Massimo Falleni, che ha concluso in 11H 21’ 42”, seguito in 30.ma posizione da Michele Segnini con 11H 22’ 45”. Bene anche l’altro elbano Riccardo Gasparri, 147.mo alla fine in 13H 42” 40”.

Soddisfazioni per i colori locali dalla gara a staffetta, dove ognuno dei 3 componenti correva una frazione individuale. La staffetta è stata vinta dal terzetto elbano composto da Andrea Giusti, Alessandro Galli e Marco Spinetti, con gli ottimi parziali di 1H 02’81” per Giusti (nuoto), 5H 57’07” per Galli (bici) e 2h 48” 37” per Spinetti (corsa). Seconda classificata un’altra squadra elbana, composta dal terzetto Morgantini – Tondi – Pagnini, staccato di oltre 6’ dai vincitori.

Entusiastici gli apprezzamenti per il percorso, che ha visto coinvolto nella gara l’intero anello occidentale dell’isola. “Un tracciato bellissimo – ha detto alla fine Alessandro Alessandri – ne sono innamorato già dall’anno scorso, che era il primo anno che la facevo. Non credevo in un percorso e in una gara così bella, come dimostra il gradimento degli atleti stranieri. Credo che Elbaman crescerà sempre più in futuro, soprattutto per quel che riguarda il numero dei partecipanti”.