Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

LO SHOW DI UNA BALENOTTERA NELLA DARSENA MEDICEA

L’ANIMALE E’ RIMASTO UN PAIO DI ORE A PORTOFERRAIO SOTTO LO SGUARDO MERAVIGLIATO DI TANTISSIMA GENTE. PRIMA DELL'UNA HA LASCIATO LA RADA

LO SHOW DI UNA BALENOTTERA NELLA DARSENA MEDICEA

“Una strana richiesta di accosto”, scherzano dalla Capitaneria di porto. Verso le 11 di questa mattina si è avvicinata alla darsena medicea una balenottera comune, il secondo animale più grande del mondo e sicuramente il mammifero più grande presente nel Mediterraneo. Portoferraio non è nuova a questi incontri, l’anno scorso, fra maggio e giugno ben due volte un gruppo di balenottere è entrato in rada. Anche lo scorso luglio un’esemplare era stato avvistato in rada, e lo stesso l’anno scorso. Gli esperti assicurano che non c’è niente di strano o preoccupante in questo fenomeno. Le balene sono animali con una vita lunghissima. Probabilmente per loro siamo noi “gli intrusi”, lungo le strade che percorrono loro da decenni, in una direzione o nell’altra, a seconda della stagione, con il “compagno” o i compagni del gruppo.

Oggi l’evento si è ripetuto lasciando a bocca aperta turisti e elbani. I bambini hanno sgranato gli occhi di fronte all’enorme animale, almeno 8 metri, che girava in darsena. La balenottera ha compiuto svariati giri nel porto, vicino alle barche a vela. Prima un’immersione, poi l’attesa per svariati minuti con gli occhi dei curiosi a scrutare il mare in ogni direzione, poi l’emersione. I più veloci ad individuarla hanno goduto della vista dello sfiatatoio e dello sbuffo, gli altri hanno ammirato la possente schiena e la piccola pinna dorsale, che rende unico e riconoscibile ogni esemplare. Probabilmente la balenottera era “scortata” da due delfini, o tursiopi.

Il gommone della Capitaneria di porto ha cercato di seguire l’animale senza disturbarlo, mentre gli ufficiali davano disposizioni per l’ingresso delle imbarcazioni nella darsena, in modo che non arrecassero disturbo alla balenottera. Dopo un po’ l’animale ha lasciato la zona turistica per spingersi verso l’attracco delle navi. Li è rimasta circa un’ora, seguita a distanza dalle barche a vela. Verso le dodici e quaranta l’animale ha lasciato la rada, probabilmente per ricongiungersi al suo branco.

AlFra