Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

ALLIEVI DI SCUOLA VELA “INCASTRATI” CON LA VESPUCCI

PEGGIO DI COSI NON POTEVA ANDARE, LA SFORTUNATA MANOVRA DI UN EQUIPAGGIO DI PRATICANTI VELISTI, FINITI CONTRO IL MONUMENTO DEL MARE

ALLIEVI DI SCUOLA VELA "INCASTRATI" CON LA VESPUCCI

Peggio di così non poteva andare. Come fare cilecca con Angelina Jolie, stonare davanti a Frank Sinatra, come fare una figuraccia davanti a un mostro sacro, insomma.

Va bene essere apprendisti, va bene perdere il controllo della barca, va bene sbattere contro una barca un po’ più grande. Ma che brutta scoperta quando si alzano gli occhi e si vede la polena, lo scafo blu, bianco e dorato, le cime immacolate, le gloriose insegne di quella che è unanimemente considerata come l’imbarcazione a vela più bella (e più famosa) del mondo, la mitica “Amerigo Vespucci”.

Peggio di così non poteva andare a quei due sfortunati allievi di una scuola vela di Portoferraio che si vedono ritratti in questa foto bella e impietosa di Alex Rinesch. A quel punto, quando il loro Hobie cat si è andato a incastrare sotto la prua della prestigiosissima e antica e ammirata nave scuola della marina, all’equipaggio dei praticanti velisti non restava molto da fare: o buttarsi in mare, mettere la testa sott’acqua e nuotare il più lontano possibile, oppure tentare di limitare i danni – materiali e morali, c’è da scoraggiarsi – aspettare l’intervento dei provetti marinai in crociera per il mondo, chiedere l’aiuto di una qualche pietoso diportista nelle vicinanze, poi scusarsi, ringraziare, improvvisare un “ciao ciao” con la manina come si usa in mare, ripartire al “lasco”, e infine farsi una bella risata. Speriamo abbiano fatto così, e che il giorno dopo, oggi, rimettano in mare il catamarano e ci riprovino, magari girando alla larga dal monumento del mare.

tenews