Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

FOSSO DELLA FOCE, E’ PRONTA LA VARIANTE AL PROGETTO

MERCOLEDI’ SARA’ SOTTOPOSTA ALL’AUTORITA’ DI BACINO. SODDISFAZIONE DEI CITTADINI PER L’ELIMINAZIONE DELLE GRANDI VASCHE D'ESPANSIONE

FOSSO DELLA FOCE, E' PRONTA LA VARIANTE AL PROGETTO

A 20 mesi dalla petizione degli abitanti della Bonalaccia e della Foce, consegnata con oltre trecento firme all’Amministrazione comunale di Campo nell’autunno 2006, e dopo un periodo di progettazioni alternative a quelle originarie, che tanto fecero discutere, sarà discussa mercoledì prossimo dall’Autorità di Bacino, a Livorno, la variante al progetto di messa in sicurezza idraulica della zona.

In una riunione informativa in Comune, a fine giugno, alla presenza del delegato dell’Amministrazione Sauro Rocchi e dei rappresentanti del comitato e i tecnici autori delle proposte alternative, l’amministrazione aveva preso atto delle modificazioni accolte dallo Studio Ingeo. L’Ingegner Paolo Barsotti, responsabile dello Studio, aveva illustrato le varianti effettuate, la più rilevante delle quali consiste nella totale eliminazione delle grandi vasche di espansione che, con i loro 70mila metri quadrati di ingombro, determinavano, lungo i franchi laterali del Fosso Galea, l’eliminazione di tutte le colture agricole presenti.

Soddisfazione da parte dei rappresentanti del comitato cittadino, che fanno notare come “l’eliminazione delle grandi vasche favorirebbe fra l’altro la realizzazione, sulla sponda sinistra del Fosso della Galea, di un percorso ciclabile nel paesaggio ripercorrendo idealmente l’antico stradello sul quale, fino all’altro anno, si svolgevano le gare di corsa campestre”. “Questo nuovo percorso ciclabile Galea-Bonalaccia – concludono dal comitato cittadino – viene ad integrarsi benissimo con il Piano della viabilità locale e con le altre ciclabili esistenti o previste dall’amministrazione pubblica”.