Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

FESTIVAL, I SOLISTI DI MOSCA NEL DUOMO DI RIO ELBA

STASERA L'ORCHESTRA RUSSA, DOMANI SI TORNA ALLA LINGUELLA

FESTIVAL, I SOLISTI DI MOSCA NEL DUOMO DI RIO ELBA

Protagonisti del concerto proposto dal Festival Elba Isola Musicale d’Europa stasera 8 settembre alle ore 21.15 al Duomo di Rio nell’Elba sono alcuni membri dell’orchestra I Solisti di Mosca. Come primo brano viene proposto Verklärte Nacht (“Notte trasfigurata“) di Schönberg, notevole composizione giovanile, scritta nel 1899 per sestetto di archi e successivamente, nel 1917, trascritta per orchestra d’archi. L’opera deve il suo titolo a una poesia omonima di Richard Dehmel, uno scrittore tedesco molto famoso negli ultimi anni del XIX secolo e nei primi del Novecento. Il testo narra la vicenda, avvenuta in una notte di chiaro di luna, di una donna che confessa al suo uomo di portare in grembo un figlio non suo, e ne riceve conforto. Questo testo però non venne affidato al canto, ma venne reso in forma di poema sinfonico. Segue il Trio per archi del 1946, composto dal francese Darius Milhaud. Chiude la serata un brano di Yoshimatsu Takashi (n. 1953). Il suo stile mescola in vario modo linguaggi disparati, da Sibelius a Šchostakovich, la dodecafonia, il minimalismo, il rock, il jazz, la musica popolare e tradizionale giapponese.

lunedì 8 settembre, Duomo, Rio nell’Elba – ore 21.15
Membri dell’orchestra I Solisti di Mosca

A. Schönberg Verklärte Nacht per sestetto d’archi op. 4
D. Milhaud Trio per archi
Takashi Yoshimatsu Atom Hearts Club Quartet for string quartet (1997)

prossimo appuntamento

martedì 9 settembre, Auditorium Linguella, Portoferraio – ore 21.15
M. Brunello, violoncello, direttore – G. Kremer, violino – Kh. Buniatishvili, pianoforte
A. Pushkarev, timpani, percussioni – Orchestra Kremerata Baltica – Orchestra I Solisti di Mosca

E. Grieg Dai tempi di Holberg per orchestra d’archi
F. Schubert Rondo per violino e archi D. 438
P. Sculthorpe Cello Dreaming per violoncello
orchestra d’archi e percussioni
A. Piazzolla Tres Piezas para Orquesta da camera
per pianoforte e orchestra d’archi
B. Martinu Doppio Concerto per due orchestre d’archi, pianoforte
e timpani H. 271