Quantcast
"DISPOSTO A FARMI DA PARTE, MA A QUESTE CONDIZIONI" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“DISPOSTO A FARMI DA PARTE, MA A QUESTE CONDIZIONI”

IL SINDACO DI CAPOLIVERI RISPONDE ALLA FREDDEZZA DEL VICE, CARDELLI: "IL SUO GIUDIZIO E' LA MIA ULTIMA PREOCCUPAZIONE". BALLERINI NON ESCLUDE DI RITIRARSI, MA DESCRIVE I REQUISITI DEL SUCCESSORE IDEALE

"DISPOSTO A FARMI DA PARTE, MA A QUESTE CONDIZIONI"

Cala il gelo fra sindaco e vicesindaco di Capoliveri. Oggi non è più come nel 2007. Allora – erano i giorni del defenestramento della giunta dell’assessore Briano – Paolo Ballerini si limitò a prendere atto della freddezza di Carlo Cardelli sull’esperienza a suo fianco in piazza del Cavatore.

Stavolta, al “non ho ancora maturato un giudizio” del suo vice, Ballerini risponde a tono: “Sinceramente il giudizio di Carlo Cardelli è l’ultima mia preoccupazione: al momento le mie priorità sono altre. Quello che mi sta veramente a cuore è finire quanto prima le diverse opere pubbliche in corso – esempio viale Australia, il centro polifunzionale, il cimitero – che sto seguendo personalmente”.

Ma cosa succederà da qui a qualche mese? Ballerini fa capire di essere interessato a proseguire questa esperienza, ma non incollato alla poltrona: “In questo momento sto facendo il sindaco – dice – e voglio rispettare il patto elettorale con quanti mi hanno votato e dato fiducia. Tutto il resto non saprei, sinceramente non sto pensando alle prossime elezioni amministrative, non so ancora cosa fare. Dovrò fare ancora – a questo proposito – un summit familiare. Comunque, torno a ribadire – come ho già fatto altre volte – che io sono soprattutto un medico. Un medico non è pro tempore come lo è un sindaco”.

Il sindaco potrebbe farsi da parte, ma ad alcune condizioni: “Quello che voglio è ottenere buoni risultati. Sarei anche disposto a rinunciare alla mia candidatura se sapessi che c’è la disponibilità di persone che abbiano oltre alle mie stesse caratteristiche, quanto meno a lealtà e correttezza istituzionale, i miei stessi obiettivi: cambiare e dare una svolta a Capoliveri. Potrebbe essere anche qualcuno della parte politica avversa, l’importante è che posseggano solidità intellettuale, onestà, professionalità e rispetto dell’uguaglianza di tutti i cittadini. Non potrei che esserne felice se subentrasse qualcuno con queste caratteristiche in grado di portare avanti quello che ho cercato di fare, e continuo a fare per Capoliveri”.

Ballerini forse ha già in mente qualche nome, non necessariamente “di sinistra”, ma è presto per farli. La svolta col passato che reclama, però, sembra indirettamente un veto alle eventuali ambizioni di Cardelli a giocare un ruolo di primo piano.

“Il mio mestiere – conclude Ballerini – è un altro, non sono un politico e non ho bisogno – come certi personaggi – della politica, e delle relative poltrone, per sentirmi qualcuno. Per il resto chi è con me sa come la penso, e ora voglio finire il mio mandato mantenendo quello che ho promesso. Per il resto c’è tempo”.

Rita Blando