Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

lettere: BASTA CON LOBBY, PARTICOLARISMI E POLEMICHE

"DA FAMIGLIA CRISTIANA ALL'ELBA, OCCUPPIAMOCI DEI PROBLEMI DI TUTTI"

lettere: BASTA CON LOBBY, PARTICOLARISMI E POLEMICHE

Mi riesce difficile capire le polemiche di questi giorni riguardo Famiglia Cristiana, settimanale che riflette la realtà cattolica ma non portavoce, più o meno ufficiale, della Santa Sede e del Cei. Nel recente passato era talvolta la sinistra, soprattutto nella sua posizione più estremista, che criticava il settimanale paolino per le sue osservazioni negative riguardo talune posizioni del governo Prodi. Ora è il centrodestra che lo critica con veemenza per le sue riflessioni sul governo Berlusconi. Qualcuno del Pdl afferma addirittura che Famiglia Cristiana è sempre più allineato all’Unità e al Manifesto. Inoltre tanti paladini della libertà del Pdl attaccano direttamente il settimanale interpretando le sue osservazioni secondo interessi di partito e mistificando la realtà.

E’ bene ricordare che ognuno, in democrazia, ha il diritto di esprimere il proprio parere e le proprie osservazioni socio-morali con valenza politica che riflettono verità, senso di giustizia e attenzioni verso le classi o le famiglie più disagiate. Giustamente furono rilevati gli aspetti critici di talune proposte di legge del precedente governo come è giusto rilevare la poca attenzione, dell’attuale governo, verso le difficoltà delle famiglie italiane e le prospettive di “pericolo fascista”.

Famiglia Cristiana, in piena coscienza e coerenza, fa dichiarazioni di grande onestà e profonda correttezza verso alcuni aspetti dell’attuale politica governativa sulla base della propria visione socio-morale mentre è fortemente scorretto interpretare le osservazioni fatte da padre Lombardi, direttore della sala stampa vaticana, come una sconfessione e perfino una scomunica della Chiesa con riferimento al pensiero del settimanale paolino.

Il settimanale segue il vangelo, la dottrina sociale cristiana e gli insegnamenti di papa Giovanni XXIII tenendo presenti i valori etico-morali e cristiani, rivendicando, nel contempo, la libertà di stampa, senza adagiarsi sulle veline istituzionali, fuori da ogni visione neostalinista o neofascista, né interferire politicamente nella vita del governo italiano. Famiglia Cristiana procede in modo indipendente seguendo le linee evangeliche, senza condizionamenti e nell’ambito degli insegnamenti socio-morali ed etici della Chiesa Cattolica. Ci insegna che bisogna accettare la verità in piena coscienza mettendo sempre al centro l’uomo con i suoi valori morali e spirituali.

Perciò è necessario decidere e operare profondamente per l’interesse generale della nazione senza privilegiare settori specifici e categorie sindacali. Soprattutto è necessario operare bene senza mirare ad interessi personali né di famiglia, né di lobby né di amicizie interessate.

Ovviamente questo è vero e valido a livello nazionale come pure a livello locale. Anche all’isola d’Elba si vedono nubi all’orizzonte e la crisi è sempre più viva e profonda. Basta con le strumentalizzazione da qualsiasi parte esse provengano! La crisi continua e il baratro si avvicina. Ognuno, soprattutto a livello governativo e istituzionale, operi per il meglio con la massima onestà e pensi agli interessi generali del paese come pure alle condizioni delle famiglie italiane intervenendo per il miglioramento nel risollevare il disagio socio-economico e morale … sia della nazione che della nostra isola … prima che sia troppo tardi.

Cordialmente
Raffaele Sandolo
elbasun@infol.it