Quantcast
NELLE FRAZIONI MARCIANESI DA UNA SETTIMANA A SECCO - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

NELLE FRAZIONI MARCIANESI DA UNA SETTIMANA A SECCO

ESASPERATI CITTADINI E IMPRENDITORI TURISTICI DI PATRESI E ZANCA: VERGOGNA, SCANDALO E INGIUSTIZIA, VORREMO SOLO RIEMPIRE LE CISTERNE

NELLE FRAZIONI MARCIANESI DA UNA SETTIMANA A SECCO

A Patresi non ne possono più: “Vergogna, ingiustizia, scandalo”. Difficile dare torto ai cittadini da 7 giorni senza un goccio d’acqua. Due alberghi, una pizzeria, tante case private e appartamenti affittate senza il servizio fondamentale in alta stagione. “Non parliamo di pressione permanente della rete – dicono – vogliamo solo acqua sufficiente per riempire le nostre cisterne”. Lo stesso per Colle d’Orano e Zanca.

Citano il contratto di servizio di Asa: l’azienda “è contrattualmente impegnata ad assicurare alle utenze domestiche una dotazione unitaria giornaliera alla consegna non inferiore a 150 litri/abitante/giorno, intesa come volume attingibile nelle 24 ore, con una portata minima non inferiore a 0,10 litri/secondo per ogni unità abitativa. Nel 2003 l’Azienda ha registrato un consumo procapite di 268 litri giornalieri (261 nel 2002).”

“Pur essendo tutti in possesso di cisterne che ci garantiscono una certa autonomia – dicono – siamo costretti nei periodi critici di cui sopra a rifornirci di acqua presso privati, il che ci produce ulteriori costi rispetto a quelli già preventivati presso l’azienda. Asa fa poco per migliorare la situazione idrica. Nessun rifornimento idrico con camion, nessuna informazione responsabile, niente acqua. Che scandalo”.