Quantcast
MARCELLO LIPPI IN CARCERE A PORTO AZZURRO - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

MARCELLO LIPPI IN CARCERE A PORTO AZZURRO

IL COMMISSARIO TECNICO DELLA NAZIONALE DI CALCIO, IN VACANZA ALL’ELBA, HA PARTECIPATO A UNA PARTITA ALL’INTERNO DEL PENITENZIARIO. BANFI E ADAMI ARBITRI, E I DETENUTI HANNO SCONFITTO GLI AGENTI

MARCELLO LIPPI IN CARCERE A PORTO AZZURRO

Il titolo forse sarebbe stato più adatto ad una locandina scandalistica, ma la sostanza è meno clamorosa e più edificante: per la seconda volta in pochi anni, Marcello Lippi, il ct campione del mondo di calcio, è andato in carcere.
Pur trovandosi in vacanza per qualche giorno, l’allenatore della nazionale di calcio, che fra poco tornerà a lavorare in vista del prossimo impegno degli azzurri già fissato per il 20 agosto, ha dedicato qualche ora ad una iniziativa di solidarietà. Varcato il portone di Forte San Giacomo, la fortezza spagnola che custodisce la casa di reclusione di Porto Azzurro, Marcello Lippi ha assistito ad una partita di calcio fra detenuti e agenti di Polizia penitenziaria.

“Non è una novità per me – ci ha detto Marcello Lippi, disponibilissimo come sempre – sono stato anche a Livorno, Pisa, Massa, praticamente in tutti gli istituti di pena della Toscana a portare la mia personale solidarietà a chi ha sbagliato e sta pagando il proprio debito con la società”. Lippi fu a Forte San Giacomo anche una settimana dopo la vittoria mondiale del luglio 2006, e ricorda quell’episodio con piacere. “Molti dei detenuti che mi festeggiarono allora sono ancora qui, e del resto questo è un posto dove di solito si rimane abbastanza a lungo. Al di là di questo, torno sempre volentieri all’Elba, da buon toscano mi sento molto legato a questi luoghi”.

Prima, durante e dopo la partita, Lippi si è concesso a lungo al pubblico, scambiando battute non solo con i detenuti ma anche con il personale civile e militare della casa di reclusione di Porto Azzurro. Per la cronaca, la partita di calcio – che è stata arbitrata dal delegato elbano della Figc Nedo Adami e dal vicesindaco di Porto Azzurro Angelo Banfi – si è conclusa con una sonante vittoria della squadra dei detenuti su quella degli agenti.