Quantcast
"QUEL CHE NON HO CAPITO DEL COMUNE PARTE CIVILE" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“QUEL CHE NON HO CAPITO DEL COMUNE PARTE CIVILE”

UNA LETTERA SULLA RICHIESTE DI CONDANNA NEL PROCESSO DI LIVORNO

"QUEL CHE NON HO CAPITO DEL COMUNE PARTE CIVILE"

Mi sembra che sia Peria sia Palombi facciano confusione fra il piano giuridico e quello politico.

Intanto mi chiedo perché – come dice il consigliere di Campo – ci dovrebbe essere coerenza fra i comportamenti di Galli e Peria. Forse l’unico argomento plausibile è che sono esponenti dello stesso partito, ma allora il discorso si sposta sulla linea del Pd.

Detto questo, vorrei approfondire un aspetto sul “dovere” di costituirsi parte civile a Portoferraio, come lo chiama Peria. Quel che non capisco è il motivo per cui l’avvocato di parte civile del Comune di Portoferraio ha chiesto la conferma delle imputazioni più pesanti – come il reato associativo – quando lo stesso Pm aveva derubricato l’accusa ad abuso d’ufficio. Non so quale possa essere l’autonomia di un avvocato nell’ambito di un procedimento di quel tipo, ma – qualcuno mi corregga se sbaglio – credo che se l’Amministrazione municipale lo avesse voluto il legale si sarebbe attenuto alla linea della pubblica accusa, e il Comune non avrebbe così superato la procura nella richiesta delle condanne.

lettera firmata