Quantcast
E’ MORTO SOLDANI, 10 ANNI VICESINDACO A RIO MARINA - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

E’ MORTO SOLDANI, 10 ANNI VICESINDACO A RIO MARINA

FONDATORE DEL CENTRO VELICO ELBANO, POI AMMINISTRATORE COMUNALE RIGOROSO E INFINE VOLONTARIO DELLA PUBBLICA ASSISTENZA. UN RICORDO

E’ MORTO SOLDANI, 10 ANNI VICESINDACO A RIO MARINA

Nelle prime ore di ieri mattina, all’ospedale di Portoferraio è deceduto Giuseppe Soldani. Pino, per chi lo ha conosciuto e gli ha voluto bene.

E’ stata una morte prematura e soprattutto inaspettata, nonostante soffrisse da qualche tempo di un disturbo cardiaco che lo aveva costretto ad una lunga degenza e ad una faticosa convalescenza. Oltre ad un’antica frequentazione familiare, mi legavano a Pino i molti anni di attività nel Centro Velico Elbano: prima a livello agonistico e poi organizzativo. Di questo sodalizio era stato socio fondatore (uno dei ventisette) e poi, dopo aver regatato per alcuni anni al timone della Rina, il gozzo a vela di famiglia, era entrato nel direttivo come consigliere, fino a diventare presidente agli inizi degli anni Settanta.

Ma più ancora mi legavano a Pino i molti anni di militanza politica nelle file del Psi (la sua iscrizione datava dai primi anni del dopoguerra). Della sezione di Rio Marina era stato dirigente fin dall’inizio. Poi, nella metà degli Sessanta aveva ricoperto la carica di segretario. Era molto conosciuto all’Elba per il suo impiego all’Enel in qualità di cassiere, ma soprattutto per i suoi vent’anni di impegno amministrativo nel Comune di Rio Marina, prima come assessore, poi come vicesindaco. Ed è soprattutto come amministratore che mi piace ricordarlo: per il suo costante impegno e per il suo rigore politico e amministrativo che lo portava a rifiutare compromessi e mediazioni.

Ma era soprattutto una persona generosa, pronto a farsi carico dei problemi altrui. Una qualità che ha ampiamente dimostrato sia nel suo lavoro, sia nell’amministrazione della cosa pubblica. Negli anni della pensione, poi, libero da altri impegni, si era dedicato al volontariato, come fondatore e dirigente della Pubblica Assistenza.

Lelio Giannoni