Quantcast
PORTOFERRAIO ORA RICORDI UN UOMO GIUSTO E ONESTO - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

PORTOFERRAIO ORA RICORDI UN UOMO GIUSTO E ONESTO

di Maurizio ZINGONI (coordinatore provinciale di Forza Italia)

PORTOFERRAIO ORA RICORDI UN UOMO GIUSTO E ONESTO

Sono passati quattro anni da quando subito dopo l’arresto mi recai, a trovare la moglie di Giancarlo, e ricordo come fosse ora il suo dramma e della famiglia, le preoccupazioni di una moglie per il marito anziano, preoccupazioni che poi si rivelarono fondate, perché dopo poco tempo Giancarlo ci lasciò.

Adesso ogni parola sarebbe superflua, per una persona che con la sua vita, in ogni momento ha dato prova della sua rettitudine e delle sua integrità morale, sia come uomo, come medico e che come amministratore, al punto che dopo l’elezione chiese di non rinnovare l’iscrizione a Forza Italia, perché lui era il sindaco di tutti gli elbani, anche di quelli non la pensava come lui.

Mi addolora pensare alla sua solitudine, alle sue notti trascorse in carcere, alla suo dramma di uomo onesto coinvolto in una vicenda in cui era completamente estraneo, e insieme a lui tutti coloro che hanno condiviso quei momenti, professionisti, politici e imprenditori, che sono stati screditati, diffamati, sbattuti come mostri in prima pagina, condannati ancora prima di varcare la soglia del Tribunale, puniti ancora prima della pronuncia del verdetto.

Ed il dramma di una comunità, che da un giorno a un’altro, ha visto dipinta l’isola dove vive da paradiso per le vacanze a isola del “malaffare” e della “corruzione”, alla faccia di tutte le persone oneste che ci abitano. Ma adesso chi risarcirà tutte le persone che sono state coinvolte? Perché non ci sono i titoli con caratteri cubitali sui giornali? Le scuse certo non bastano e allora forse è il momento dei fatti, forse un gesto può farci ricordare quei momenti ed il dolore delle persone coinvolte, questa vicenda dovrà essere una lezione per tutti, per ricordarla sarebbe veramente un bel gesto intitolare a Giancarlo una piazza o una strada della sua città, una città e ai suoi concittadini a cui non ha mai risparmiato il suo amore.