Quantcast
"PROVETTA TOUR", PIANO ASL PRESENTATO AI COMUNI - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“PROVETTA TOUR”, PIANO ASL PRESENTATO AI COMUNI

ALL'ESAME DELLA CONFERENZA DEI SINDACI IL PROGRAMMA DI DELOCALIZZAZIONE DI PARTE DELLE ANALISI DEL LABORATORIO ELBANO

"PROVETTA TOUR", PIANO ASL PRESENTATO AI COMUNI

Torna sotto i riflettori la ristrutturazione del laboratorio d’analisi elbano. Dalle parole, però, ora si è passati ai fatti. L’Asl ha proposto alla Conferenza dei sindaci un piano per la delocalizzazione di buona parte degli esami a Livorno.

Della questione si è molto si è parlato, negli ultimi mesi ed anni. L’ultima volta a gennaio, quando la carenza di personale portò alla temporanea chiusura del servizio. Un episodio sorprendente e preoccupante, a cui seguì uno scontro anche aspro fra i Comuni e la dirigenza aziendale sanitaria. “Secondo i primi dati in mio possesso – disse allora il sindaco di Portoferraio – l’Asl sarebbe intenzionata a tagliare 150mila analisi del laboratorio, cioè un terzo dell’operatività complessiva. Questo progetto di ristrutturazione – aggiunse Peria – contraddice le assicurazioni fornite dal direttore generale e persino dall’assessore Rossi qualche mese fa, e rappresenta un fatto gravissimo rispetto al quale la conferenza dei sindaci avrà un atteggiamento molto fermo e molto duro. Se l’azienda intende perseverare su questa strada, sin dalla prossima conferenza in programma per martedì prossimo si andrà al muro contro muro”.

Inoltre anche in questo caso, come per il tribunale (minacciato da una sostanziale chiusura) si registra un elemento paradossale, visto che sono stati da poco effettuati lavori di adeguamento alla struttura. I Comuni che hanno ricevuto questo memorandum dall’Asl su quello che era stato chiamato il “provetta tour”, si sono riservati di esaminarlo, per decifrarne il contenuto. Si sa che l’Asl garantisce che i tempi di risposta delle analisi non subiranno rallentamenti, e che in caso di emergenze sanitarie si potranno comunque garantire delle “corsie preferenziali”. Nella nuova riunione della Conferenza, i sindaci dovranno prendere una posizione ufficiale su queste garanzie: le considerano sufficienti o no?

tenews