LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

ITALIANI 4X4, VINCONO ANCORA SPINETTI-NAPPI

SBARAGLIATI GLI AVVERSARI A CAVRIGLIA E PRIMO POSTO IN CLASSIFICA

ITALIANI 4X4, VINCONO ANCORA SPINETTI-NAPPI

Un’altra bella vittoria per Alberto Spinetti e Marzia Nappi nella seconda prova del Campionato italiano Challenge 4×4 by F.I.F. che si è svolta a Capriglia (Ar).

I due piloti elbani, sul loro “glorioso” Mitsubishi Pajero 3.5 V6, hanno sbaragliato gli avversari, vincendo con largo margine la gara e confermandosi ai vertici del campionato. Ottima prestazione anche per Franco Pacini e Giuliano Canovaro, che con il loro Toyota KZJ90 si sono classificati terzi assoluti e primi di classe diesel, nonostante il cedimento del trapezio anteriore destro nel corso dell’ultima speciale.

Prova sfortunata, invece, quella del terzo equipaggio schierato dall’Elba Club 4×4 Piero Pucci e Lara Giusti, su Pajero 3.5 V6, i quali, traditi dal fondo erboso, sono finiti in un fosso a pochi km dalla partenza; dopo laboriose operazioni di recupero sono riusciti a ripartire, chiudendo però al 19° posto. La gara, ottimamente organizzata dal Club Arezzo Scout, prevedeva 2 speciali da ripetere 3 volte. Il roadbook preciso e la ripetitività del percorso hanno reso piuttosto semplice la navigazione. Decisive, questa volta, le componenti guida e resistenza del mezzo.

La prima speciale, molto veloce e guidata, è risultata di grande soddisfazione e divertimento per i piloti, però, essendo azzerata da quasi tutti gli equipaggi di testa, ha poco influito sulla classifica finale. Determinante quindi la seconda, molto stretta e molto tecnica, massacrante per uomini e mezzi. Gli unici a chiudere questa prova con una manciata di secondi di penalità sono stati i vincitori Spinetti-Nappi. Per tutti gli altri, ritardi sopra al minuto.

La classifica generale di campionato vede la conferma al primo posto di Spinetti-Nappi e l’insediamento al secondo di Pacini-Canovaro, per una sfida al titolo al momento tutta elbana. La terza prova si terrà il 1° giugno in Sardegna, su un percorso assolutamente inedito per il Challenge, ma che le prime indiscrezioni annunciano molto bello e impegnativo.