LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

QUI SI FACEVA IL BAGNO E O DELLE BELLE PASSEGGIATE

"VIVERE L'AMBIENTE" E' ANDATA A VERIFICARE IL DEGRADO DEL GRIGOLO

QUI SI FACEVA IL BAGNO E O DELLE BELLE PASSEGGIATE

Una volta alla fine di via Roma si andava al Grigolo, perché questo era la spiaggetta di Portoferraio. Un luogo piccolo ma accogliente dove si poteva fare il bagno, e dove si poteva fare una bella passeggiata o portare i bambini a giocare in tranquillità. “Vivere l’ambiente” di TeleTirreno un anno e mezzo fa, era già andata a vedere le condizioni di questo posto, che versava in condizioni di degrado. Nei giorni scorsi, a seguito di una polemica nata dalla denuncia di un cittadino è voluta ritornare sul luogo.

Niente è migliorato dall’ultima visita: i lampioni sono fatiscenti, alcuni divelti, le panchine dove un anziano potrebbe andare a sedere e magari portare i nipotini a giocare, sono completamente invase dalle erbacce e alcune presentano schegge pericolose, c’è anche uno scarico a cielo aperto: dall’odore si evince che non si tratti di acque chiare. Una volta giunti alla fine del vialetto che conduce allo scoglio Roma – una volta vanto dei portoferraiesi – c’è il depuratore che avrebbe dovuto risolvere i problemi fognari di Portoferraio, ma non sappiamo ancora niente del suo utilizzo e della sua manutenzione.

C’è anche una zona transennata alla meglio, forse realizzata per evitare altri pericoli. Pensare che una volta uno stradello che portava fino sotto la Madonnina passando sotto il faro del Forte Stella. Oggi è tutto in degrado. La nostra amministrazione nelle sue promesse elettorali aveva parlato di un grande pennello che avrebbe dovuto accogliere le navi da crociera e tramite un percorso virtuoso avrebbe condotto i turisti all’interno della città vecchia. Si era parlato addirittura – con la passata amministrazione – di una rotonda sul mare: una sorta di riscoperta di quelli che una volta ai primi del 900, qui al Grigolo erano i bagni Napoleone. Tutte queste promesse sono rimaste tali, come tale è rimasto il Grigolo.

Fabrizio Prianti