LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Lettere: “COMPAGNI VOSTRI SONO CALEARO E I GENERALI”

"IL PD PREFERISCE DI PIETRO DEL VECCHIO E GLI INDUSTRIALI AI SOCIALISTI"

Lettere: "COMPAGNI VOSTRI SONO CALEARO E I GENERALI"

Oggi tutti promettono di non polemizzare, ma intanto polemizzano, e allora anch’io, in quest’ultimo scorcio di campagna elettorale, mi adeguerò al nuovo vezzo del dire… “ma anche” del non dire; del concordare… “ma anche” del controbattere, così… pacatamente e serenamente, come direbbe qualcuno.

E lo farò sostenendo – pacatamente, serenamente – che i socialisti, o ex tali, possono andare alle rievocazioni che vogliono (anche a quelle della tradizione comunista) e questo non li fa diventare né migliori, né peggiori di quelli che non ci vanno, o vanno ad altre manifestazioni. I sindaci socialisti citati dal presidente del Pd isolano sono persone di prim’ordine. Lo sono oggi come lo erano anche ieri quando, proprio perché socialisti, venivano considerati indegni di essere chiamati “compagni” – toh, dopo tanti anni di forzato oblio, Marchetti rispolvera quest’antico e nobile appellativo (ma sarà contento Veltroni?).

Compagni! Chissà se nel PD chiamano così anche gli ex democristiani? O se Calearo e Colaninno (in fabbrica) o il generale Del Vecchio (in caserma) quando sentono dire “compagno” si voltano a rispondere?

E poi, con gli altri socialisti come la mettiamo? Sì, proprio quelli abbandonati all’ultimo tuffo, per scegliere Antonio Di Pietro, populista di destra, e grande persecutore di socialisti? Sono da considerarsi “compagni” anche i seguaci di Boselli, oppure no? O vale ancora la vecchia logica leninista per cui sono buoni solo quelli che stanno “con noi” e cattivi tutti gli altri?

Un fatto, comunque, è incontestabile: la gran parte dei socialisti non sta con il Pd. Non ci sta per la politica di oggi, ma soprattutto non ci sta per le vicende di ieri. Perché sanno che mai e poi mai potrebbero commuoversi partecipando alle vostre rievocazioni storiche. Perché non si lascerebbero coinvolgere emotivamente da un filmato di parte, prodotto da cineasti ex Pci al solo scopo di rievocare ed esaltare politiche e valori del tutto estranei alla tradizione riformista. E se una parte di ex democristiani, al contrario, riescono a commuoversi a questi film, buon per loro!Vuol dire che sono di “bocca buona”!

(Il fantomatico) Nanni Gioiello