LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

IL PDL FRENA SULLA PROVINCIA, NON SULL’AUTONOMIA

BARANI: "IL NOSTRO GOVERNO LE CANCELLERA' TUTTE, PIU' DELLE SOLUZIONI CONTANO AUTOGOVERNO E RISORSE". TORTOLI: "SUL PARCO INDIETRO NON SI TORNA, MA L'AMP ANCORA NON C'E'". MELONI: "PERIA E' IL NOSTRO PRODI"

IL PDL FRENA SULLA PROVINCIA, NON SULL'AUTONOMIA

Il Pdl frena sulla Provincia autonoma dell’Arcipelago, ma non sull’autonomia. I responsabili locali di Forza Italia, An e Nuovo Psi. Luigi Lanera, Simone Meloni e Mario Agarini, hanno manifestato una (moderata) adesione alla ormai nota proposta, tradotta in progetto di legge di Lucio Barani. Ma è stato lo stesso parlamentare socialista, insieme al forzista Roberto Tortoli, a smorzare gli entusiasmi dei simpatizzanti del Pdl riuniti nella sala consiliare del Comune di Portoferraio: “Ci voleva una scossa e l’abbiamo data – ha detto il socialista – ma nel programma elettorale di Berlusconi c’è la cancellazione delle province, e allora cancelliamole, tutte”.

L’incontro con i due parlamentari ha registrato la confusione esistente – anche nel campo centrodestra – fra le opzioni di riassetto istituzionali dell’isola, fra la spada di Damocle che pende sulla Comunità Montana, l’ipotesi di una comunità di arcipelago, la suggestione del Comune unico che colpisce anche nel campo dei moderati, e la (ex) proposta della provincia.

Su un punto però non ci sono dubbi, fra gli esponenti locali del cartello elettorale berlusconiano: la spinta all’autonomia elbana dalla Regione, l’esigenza dell’autogoverno: “A prescindere dalla soluzione istituzionale – ha detto Tortoli – ci vogliono autonomia e risorse”. “L’Elba è come la mia Lunigiana – ha ripetuto Barani, ex sindaco di Aulla – siamo mal sopportati da Firenze”. “Abbiamo sposato l’idea della Provincia come principio, non necessariamente come realizzazione pratica”, aveva anticipato Lanera.

Altro minimo comun denominatore sicuro: il discorso sull’allentamento dei vincoli ambientali esistenti sulle isole, e il no alle aree marine protette. “Sul Parco ci sono state promesse non mantenute – ha riconosciuto Tortoli – tornare indietro non si può, ma doveva essere una cosa diversa da quella realizzata all’Elba. L’area marina protetta invece è un’altra cosa, ancora non c’è”.

Al di là delle politiche, l’obiettivo sono le amministrative del 2009. “Anche noi abbiamo avuto il nostro Prodi – ha detto Simone Meloni, coordinatore comunale di Forza Italia – si chiama Peria, che ha solo aumentato le tasse, anche per questo credo che l’anno prossimo torneremo ad amministrare Portoferraio”.

tenews