Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

PERIA S’INVENTA SCUSE PER CONFONDERE LE IDEE

di Marcello GIARDINI (capogruppo di "Portoferraio, la tua città")

PERIA S'INVENTA SCUSE PER CONFONDERE LE IDEE

La proposta avanzata di trasferire le vedette delle forze dell’ordine nell’area “ex Cantierino” può essere più o meno condivisa, ma non si devono inventare motivazioni solo per confondere l’opinione pubblica pensando di essere nel giusto.

Il sindaco quando parla di sicurezza si deve rivolgere all’Autorità marittima della Capitaneria di porto e non all’Autorità Portuale di Piombino che non ha nessuna competenza dell’area “ex Cantierino”. Cosa vuol dire “ipotesi Cantierino è stata giudicata impercorribile e impraticabile, per motivi legati alla gestione dei turni di guardia”. Se stiamo parlando di vigilanza, tempestività di intervento e di soccorso, al Molo Gallo o Calata Buccari si possono gestire i turni di guardia nella zona “ex Cantierino” invece non è possibile, ma quando mai.

Cosa vuol dire impraticabile per motivi legati alla sicurezza. I mezzi delle Forze dell’ordine nella zona “ex Cantierino” non sarebbero in sicurezza, quando sono state in sicurezza per anni almeno 40/50 imbarcazioni da diporto lunghe 17/20 metri, con adiacente un deposito costiero.

E per finire l’ultima motivazione è un “classico”, quando si vuol dire tutto ma in realtà nulla si dice “è impraticabile per problemi tecnici”. In realtà i veri problemi tecnici sarebbe opportuno verificarli proprio all’interno dell’approdo turistico Darsena medicea. E poi attenzione sindaco, quando dici che saranno recuperati circa 60 metri di banchine al molo Gallo dove possono approdare anche yachts di una certa dimensione, deciditi, se farli ormeggiare “lato Molo Gallo” o “fronte Calata Mazzini” perché insieme le due banchine di ormeggio non potranno essere utilizzate, o forse si parla di fantascienza. Diciamo una volta tanto la verità, volevate questo tipo di soluzione e l’avete fatta e così sia.