Quantcast
PASQUA BAGNATA MA “VIVACE” ALL'ISOLA D'ELBA - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

PASQUA BAGNATA MA “VIVACE” ALL’ISOLA D’ELBA

LOCALI APERTI, MOVIMENTO SULLE STRADE. IL TEMPO HA TRADITO

PASQUA BAGNATA MA “VIVACE” ALL'ISOLA D'ELBA

Pasqua bagnata stagione fortunata. Non è un proverbio, ma l’auspicio degli operatori turistici elbani, molti dei quali – a dispetto della scelta della maggior parte degli albergatori che sono restati chiusi, due su tre – si sono fatti trovare pronti all’arrivo dei primi ospiti stagionali dell’isola.

Non molti, a dire il vero, anche per lo scarso incoraggiamento arrivato dal tempo atmosferico (il freddo si è fatto sentire come raramente è accaduto in questi mesi). Più delle previsioni, comunque, almeno nelle località con più locali. Porto Azzurro e Capoliveri le località più frequentate, grazie alla apertura di negozi, boutiques e ristoranti del centro storico, che soprattutto nella giornata di pasquetta hanno “goduto” di riflesso della impossibilità di effettuare il tradizionale pic nic fuori porta anche da parte degli elbani.

Buono il riscontro anche per Marina di Campo – dove era aperto e visitatissimo l’Acquario del Marina 2 – e Portoferraio, dove i negozi erano tutti aperti, con l’unica pecca di qualche “disguido” sulla apertura di mostre programmate in questi giorni.
La notte, per i più giovani, ha dato qualche punto di riferimento grazie all’apertura di locali “storici” come il Tinello e il Club 64, oltre al Rifrullo e all’Inferno che erano già funzionanti a pieno ritmo durante l’inverno.
Molte le comitive di ciclisti che – nonostante la pioggia frequente – hanno tentato escursioni sulle strade elbane, elevata la presenza di camper nelle zone panoramiche.

Molti si sono chiesti: ma se gli alberghi erano (in gran parte) chiusi, dove era alloggiata questa gente? La risposta sta nel “fenomeno” delle seconde case. Molti proprietari sono venuti ad aprire casa, altri l’hanno ceduta ad amici, altri ancora hanno preso appartamenti in affitto. Insomma, una Pasqua se non altro “vivace” per l’Isola d’Elba, nonostante tutto.

fc