Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

DI COSIMO-CRESCENZI, A MOGLIE E MARITO LA RONDE

APPLAUDITISSIMI SECONDI ANCORA GALLENI-FLORIS, I LUCCHESI VITA-PINELLI TERZI. SULLA PARATA-FALCONAIA UN PUBBLICO DELLE GRANDI OCCASIONI

DI COSIMO-CRESCENZI, A MOGLIE E MARITO LA RONDE

Pronostici perfettamente rispettati per la seconda edizione della Ronde dell’Isola d’Elba che ha visto le vetture WRC protagoniste per tutta la gara con grande performance dell’equipaggio laziale composto da Tonino Di Cosimo e la moglie Rosalba Crescenzi con la Ford Focus WRC dell’Errepi Racing. Il pilota ha così portato a tre le vittorie assolute in questa stagione dopo quelle conseguite con la Fiat Punto S2000 al Rally dei Castelli Romani e quella invece con la Ford Focus WRC alla Ronde dei Pofi della settimana scorsa. Sono stati tre i passaggi vinti da Di Cosimo che ha così preceduto l’ “idolo della folla” Giovanni Galleni che con Alessandro Floris ha colto per la seconda volta la piazza d’onore alla Ronde dell’Isola d’Elba con la Skoda Fabia WRC della Livorno Rally.

Di Cosimo ha tremato nel terzo passaggio dove ha rotto il turbo del suo motore che lo ha costretto a fermarsi per sincerarsi dell’evento per poi, una volta sostituito al parco assistenza il pezzo, riprendere in mano la situazione. Infatti dopo la terza prova era passato in testa Galleni ma quest’ultimo nell’ultima prova compromette tutto con un testa coda perdendo secondi preziosi e confermando così la seconda piazza finale. Terzo gradino del podio e assoluto dominio in gruppo N per l’equipaggio lucchese composto da Gianluca Vita e Francesco Pinelli con la Subaru Impreza Sti del Maverik Rally Team, sempre a ridosso delle WRC e sempre in testa al gruppo N, mentre grande spettacolo quello offerto dalla Renault Clio Williams di Colombini-Innocenti alla fine quarti assoluti davanti agli elbani Mannoni-Lupi che invece erano all’esordio con la Clio s1600 e che hanno dovuto adattarsi alla nuova vettura a disposizione.

Altri protagonisti sono stati Giacomelli-Briola su Clio Williams che hanno alla fine guadagnato la sesta piazza. Mentre buon esordio con una Mitsubishi Lancer Evo IX per i lombardi Ripoli-Bernier giunti secondi di gruppo N oltre che ottavi assoluti davanti a Paroli-Tondini invece per la prima volta alla guida di una Saxo S1600. Determinazione per Paola De Martini che con Colombo aveva a disposizione una WRC (Toyota Corolla) arretrata notevolmente dopo le prime due prove per un contatto ai fari che l’ha fatta correre al buio e che ha rimontato tenacemente fino alla decima piazza finale.

Di poco a ridosso dei top ten, ma in evidenza fin dalla prima prova, i debuttanti e giovani elbani Bettini-Gambini con la Clio RS che hanno colto la vittoria nella difficile e numerosa classe N3 davanti ai regolari Sinibaldi-Gabbricci e a Fogli-Dimare entrambi con la Clio RS. Da citare Gori-Pacini che hanno dato grande spettacolo con la sempre efficiente Ford Sierra Cosworth che con la trazione posteriore ha regalato al numerosissimo e ordinato pubblico presente grandi emozioni cogliendo alla fine anche la vittoria di categoria.

Hanno concluso la 2° edizione della Ronde dell’Isola d’Elba 53 equipaggi che hanno dato apprezzamenti positivi alla nuova prova speciale effettuata della Parata-Falconaia il cui tratto ha visto il pubblico delle grandi occasioni presente e che ha così gratificato gli sforzi dell’Automobil Club Livorno e dell’AC Livorno Sport oltre che dei Comuni interessati alla manifestazione che hanno collaborato alla buona organizzazione della Ronde.

CLASSIFICA ASSOLUTA
1. Di Cosimo-Crescenzi (Ford Focus WRC) in 26’27”1; 2. Galleni-Floris (Skoda Fabia WRC) a 26”1; 3. Vita-Pinelli (Subaru Impreza STi) a 54”7; 4. Colombini-Innocenti (Renault Clio Williams) a 1’00”9; 5. Mannoni-Lupi (Renault Clio S1600) a 1’13”1; 6. Giacomelli-Briola (Renault Clio Williams) a 1’16”1; 7. Ripoli-“Bernier” (Mitsubishi Lancer Evo IX) a 1’17”1; 8. Anselmi-Barbadori (Renault Clio S1600) a 1’26”3; 9. Paroli-Tondini (Citroen Saxo S1600) a 1’44”0; 10. De Martini-Colombo (Toyota Corolla WRC) a 1’48”2 .