Quantcast
Lettere: IL NODO DELL'ARCOBALENO E LA DERIVA DEL PD - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Lettere: IL NODO DELL’ARCOBALENO E LA DERIVA DEL PD

"VELTRONI ORMAI DI CENTRO. LA SINISTRA LOCALE DAVANTI A UN PROBLEMA"

Lettere: IL NODO DELL'ARCOBALENO E LA DERIVA DEL PD

Sarà molto interessante vedere in che modo la campagna elettorale politica, e anche il suo risultato, influirà sulla situazione politica locale. Qualche segnale già si vede. A destra, nella speranza di rosicchiare qualche voto al Pdl, un consigliere della Fiamma preferisce attaccare i Comuni di Porto Azzurro, Marciana Marina e Porto Azzurro piuttosto che criticare il suo sindaco o la maggioranza che ha disertato il consiglio.

Ma oggi mi vorrei occupare della sinistra: dopo un iniziale fair play, la spaccatura si vede sempre più aspra e forte. Il Pd ha candidato in Veneto un signore che proponeva lo sciopero fiscale, che dice di sperare nel licenziamento di Visco, che va in giro dicendo “grazie Mastella per aver fatto cadere Prodi”, che definisce “splendida” la legge Biagi, quella che la sinistra voleva cancellare. Con queste candidature il Pd – e su questo dall’Arcobaleno hanno ragione – non è uscito solo dalla storia del Pci, ha scavalcato a destra non solo il Psi degli anni Ottanta, ma anche la socialdemocrazia tedesca e il laburismo inglese. Io ho l’impressione che abbia scavalcato a destra anche il Partito democratico americano e i cattolici centristi italiani. Cosa resta di sinistra, se anche i diritti civili finiscono in soffitta? Domanda legittima.

Sarà interessante vedere come un partito che schiera capilista-simbolo del genere possa governare insieme alla sinistra nella amministrazioni locali. Certo questo conta fino a un certo punto nei nostri piccoli comuni, però la sinistra rappresentata ora dall’ottimo Adriani (che tira fuori uno slogan come “serenamente incazzati” – di sicuro effetto – anche se un po’ troppo alla Gioele Dix: “Sono un automobilista e quindi sono sempre perennemente incazzato”), questa sinistra -dicevo – dovrebbe rispondere a quel che dal suo seno le si chiedeva fino a pochi giorni fa: il giudizio che si dà sul Comune di Portoferraio è quello di Palmieri o quello di Alessi? Insomma: la Sinistra Arcobaleno elbana può reggere alla lunga metà fuori e metà dentro la Comunità Montana e l’amministrazione del più importante comune elbano?

Empirico