LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

CNA E CONFCOMMERCIO: NESSUNA SCONFESSIONE NOSTRA

DIRETTORE E PRESIDENTE PROVINCIALE CORREGGONO L'INTERPRETAZIONE DI PERIA SULLA LORO POSIZIONE SUCCESSIVA AL FORFAIT DELLE CATEGORIE: "NON ERAVAMO INFORMATI, MA I LOCALI HANNO PIENA LIBERTA' DI GIUDIZIO"

CNA E CONFCOMMERCIO: NESSUNA SCONFESSIONE NOSTRA

Confcommercio e Cna provinciale smentiscono (o correggono) l’interpretazione che il sindaco di Portoferraio Roberto Peria ha dato sulla loro presa di posizione a proposito della clamorosa protesta delle categorie locali, che hanno disertato i consigli comunali su trasporti e fanghi in polemica con i Comuni. “I livelli provinciali di Cna e Confcommercio – aveva detto Peria alla de Laugier – si sono dissociati da quella decisione qualunquista e superficiale”.

“Non c’è stata – scrivono il direttore generale della Cna Gino Baldi ed il presidente provinciale della Confcommercio Aldo Falleni – nessuna presa di distanza da parte nostra o delle Cna e Confcommercio provinciali circa le posizioni assunte dalle due associazioni dell’isola d’Elba su due questioni strategiche ed importanti, non solo per l’Elba, ma piuttosto un rispetto dell’autonomia di giudizio e di azione che compete agli organismi dirigenti a livello locale”.

“Possiamo dire e abbiamo detto – spiegano Baldi e Falleni – che il livello provinciale delle associazioni non era nemmeno informato riguardo all’ufficializzazione di tali posizioni, mentre riteniamo che, per la loro complessità, le questioni dei trasporti e dei fanghi, meritino di essere trattate anche con una visione più ampia di quella locale, inquadrandole nel complessivo evolversi delle tematiche politico economiche dell’intera provincia. Questo non toglie però piena libertà di espressione e di giudizio agli organismi dirigenti a carattere locale”.