Quantcast
"ALLA GATTAIA RECUPERO QUALIFICANTE E STRATEGICO" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“ALLA GATTAIA RECUPERO QUALIFICANTE E STRATEGICO”

LA GIUNTA RISPONDE ALLE CRITICHE PER LA CONCESSIONE DELL'EX IMPIANTO MILITARE ALLA PROVINCIA, CHE NE FARA' LA NUOVA SEDE APT. "E' COME PER IL VECCHIO OSPEDALE". "C'E' IN CAMBIO UN IMMOBILE A SERVIZIO DEL PORTO"

"ALLA GATTAIA RECUPERO QUALIFICANTE E STRATEGICO"

Per la giunta di Portoferraio “le argomentazioni di alcuni esponenti della minoranza sulla questione sono contraddittorie, da una parte ci si lamenta per il degrado che caratterizza ormai gli ultimi decenni di vita dell’immobile, dall’altra si critica il Comune che, grazie alla collaborazione con la Provincia di Livorno, vuole proprio eliminare questo degrado”.

L’amministrazione comunale precisa che “il Comune è divenuto proprietario dell’immobile a seguito di compravendita il 24 gennaio scorso, dopo un iter complesso di acquisizione dalla Marina militare iniziato dalla Giunta precedente nel 2002 e completato dall’attuale, con enormi difficoltà per gli estenuanti passaggi burocratici”.

La giunta conferma la validità dell’operazione Gattaia: “Stante la particolare dislocazione del bene, in posizione strategica sul porto ed all’inizio della Calata, il Comune e la Provincia hanno concordato sulla necessità di valorizzarne al massimo la funzione, con sede dell’Agenzia per il Turismo, servizi di accoglienza turistica, uffici di rappresentanza in genere, d’intesa e di comune accordo con la Provincia, internet point, spazi all’aperto per iniziative culturali e promozionali, disponibili per i cittadini. Il tutto inserito in un piano di recupero architettonico di grande spessore”.

Negli accordi, per il momento non ancora formalizzati con una convenzione, è prevista anche la cessione, da parte della Provincia al Comune, di un apposito immobile da destinare ai servizi per l’approdo. “Come si comprende da questi pochi elementi – sottolinea la giunta – siamo in presenza di un progetto di recupero alto, qualificante e strategico per la città; e questo progetto – che verrà portato nei prossimi giorni dalla Giunta sul tavolo della maggioranza – prevede peraltro la possibilità di investire subito sull’immobile, poiché la Provincia ha già a disposizione le necessarie risorse finanziarie”.

Quindi la giunta risponde a Marcello Giardini, consigliere di “Portoferraio, la tua città”: “Chi vuole contrastare il degrado, ma non dice come, fa un’asserzione improduttiva, e altrettanto improduttivo ci pare parlare di progetti solo del Comune. Secondo le nostre valutazioni, infatti, il recupero del bene richiede importi milionari, che, considerati i vincoli di spesa imposti per legge e la necessità di intervenire anche in altri ambiti, soprattutto quelli extraurbani, costringerebbero il Comune a concentrare tutti gli sforzi su quell’immobile fino alla fine della legislatura. Un po’ la storia di chi criticò Fratini per aver affidato il vecchio ospedale ad un’operazione di recupero da parte della Provincia: noi riteniamo che, se non lo avesse fatto, ora, al posto del centro per l’impiego, avremmo un cumulo di macerie, frequentate da topi e gatti. Insomma, una Gattaia-bis”.