Quantcast
SOCIETA' SENZA IMPIANTI, PROTESTA ANCHE ELBA REKORD - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

SOCIETA’ SENZA IMPIANTI, PROTESTA ANCHE ELBA REKORD

"PER MOTIVI INCOMPRENSIBILI I LAVORI INIZIERANNO SOLO IN QUESTO MESE, MA LE OPERE AVREBBERO POTUTO ESSERE PROGRAMMATE GIA' A GIUGNO"

SOCIETA' SENZA IMPIANTI, PROTESTA ANCHE ELBA REKORD

Le società sportive di Portoferraio hanno gravi difficoltà con le strutture. Normalmente carenti, oggi sono anche in parte indisponibili per lavori che – lamentano – forse potevano essere programmati meglio.

Dopo l’Audace, oggi è l’Elba Rekord che protesta: “Ogni anno, alla ripresa degli allenamenti di preparazione per l’attività agonistica, si presenta costantemente, e per tutte le società sportive che usufruiscono delle palestre del comune di Portoferraio, il problema dell’inadeguatezza delle strutture. L’impianto di San Giovanni – costruito agli inizi degli anni Ottanta – non è mai stato oggetto da allora di seri interventi di ristrutturazione, e avrebbe bisogno di opere di risanamento, per adeguarlo agli standard richiesti. Tra queste, la pavimentazione che, specialmente durante la stagione invernale, a causa di problemi di condensa, spesso rende l’impianto inagibile, e la messa a norma degli spogliatoi dove – oltre allo stato generale di abbandono – si segnala in particolare la presenza di docce dalle quali esce poca acqua, e fredda”.

Continua la rassegna delle carenze: “La palestra dela scuola di viale Elba può essere utilizzata solo per gli allenamenti, ma a causa delle modeste dimensioni dell’impianto, non può essere usata per l’attività agonistica sportiva. Resta il palazzetto dello Sport: la sua apertura alla fine degli anni Novanta ha rappresentato un notevole progresso per lo sport nel comune di Portoferraio, tuttavia problemi strutturali, quali infiltrazioni di acqua e usura del parquet, hanno reso necessari alcuni interventi. Queste opere di risanamento – a nostro avviso – avrebbero potuto essere programmate a partire dal mese di giugno, in modo che il palazzetto fosse accessibile alla riapertura della stagione sportiva. Per motivi che sfuggono alla nostra comprensione – tuttavia – i lavori di risanamento inizieranno solo in questo mese. Così le squadre di calcetto (Elba ‘97), e pallacanestro (Elba Basket) sono attualmente costrette a condividere il palatenda di San Giovanni, che, per i motivi su indicati, risulta già inadeguato, anche senza i problemi di sovraffollamento”.

A questo si aggiunge che l’Elba Rekord 2000, dovendo organizzare il 23 settembre una triangolare maschile di pallavolo, e non potendo contare sulle strutture sportive di Portoferraio, sarà costretta – se vuole mantenere l’impegno preso con le altre società partecipanti al torneo – a ricorrere a impianti situati al di fuori del comune di Portoferraio. “Sarebbe auspicabile – dicono i dirigenti – un intervento deciso da parte degli organismi preposti del comune di Portoferraio, in modo da sanare la situazione e non ritrovarsi tutti gli anni a dover affrontare i soliti problemi di inadeguatezza degli impianti sportivi”.