LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

LA SPESA “ECOLOGICAMENTE CORRETTA” DI MARIO TOZZI

IL PRESIDENTE DEL PARCO AL SUPERMERCATO CON TELECAMERE AL SEGUITO. IL RESOCONTO DI UNICOOP FRA PRODOTTI DEL COMMERCIO EQUOSOLIDALE, LAMPADINE A BASSO CONSUMO, E UOVA DI GALLINE ALLEVATE A TERRA

LA SPESA "ECOLOGICAMENTE CORRETTA" DI MARIO TOZZI

Ha girato per i banchi con operatori e telecamere al seguito, per quella che la Unicoop, nel suo comunicato chiama “spesa-reportage”. Della spesa portoferraiese di Mario Tozzi darà conto il mensile distribuito in quattro regioni a centinaia di migliaia di soci della coop, cha ne approfitta per parlare del suo stile di vita ultra-corretto. Perché “da un carrello della spesa si capisce tanto di una persona”, e Mario Tozzi, oltre a essere il presidente del Parco nazionale, è “il geologo più conosciuto d’Italia” e “conduttore televisivo armato di piccozza”.
“Sono vegetariano da otto anni – esordisce lui, entrando nel supermercato – perciò mangio tanta frutta e verdura, privilegiando il biologico”. Segue un dettagliato resoconto sugli acquisti: i kiwi da agricoltura bio sono il primo, seguiti dall’ananas proveniente dal mercato equo e solidale. “L’ananas fa digerire e brucia i grassi – spiega il professore – e questo in particolare aiuta anche gli agricoltori del Sud del mondo”. E poi i legumi secchi, sempre biologici, e di nuovo un prodotto esotico del mercato equo: il riso Tailandese. “Questo lo prendo anche se io non lo mangio – dice Tozzi afferrando una confezione di tonno sottolio – perché è certificato Dolphin Safe (la pesca che salva i delfini) e comunque proviene da una pesca rispettosa delle regole e delle risorse ittiche”.
Cacao equo e solidale di Santo Domingo, caffé sudamericano, uova prodotte dove dove le galline non sono rinchiuse nelle celle, dopo una sosta nella zona dedicata agli animali (ha un passione per i gatti) nel settore extra-alimentare il geologo sceglie le pile ricaricabili e le lampadine a basso consumo energetico “che fanno risparmiare anche sulla bolletta”.
Nella corsia dei detergenti Tozzi opta per il detersivo-piatti e pavimenti a basso impatto ambientale e in confezioni di plastica riciclata. Poi le ricariche del bagnoschiuma “che fanno risparmiare sul prezzo e riducono i rifiuti”. Tovaglioli e carta igienica sono certificati da marchi internazionali concessi ai prodotti che rispettano severi criteri ecologici. Per prepararsi un pic nic pasquale: piatti e bicchieri in Pla, la plastica naturale derivata dall’amido di mais, completamente biodegradabile.
La “spesa ecologicamente di Tozzi – fa sapere la coop – si è conclusa con prodotti locali: aleatico, mirto elbano consigliato dai dipendenti, e schiaccia ubriaca”.