Quantcast
"PIU' SOVVENZIONI PER SPALMARE L'AUMENTO SU 3 ANNI" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“PIU’ SOVVENZIONI PER SPALMARE L’AUMENTO SU 3 ANNI”

FORZA ITALIA PROTESTA PER IL RINCARO: "LA DIMOSTRAZIONE CHE A SINISTRA CONCERTAZIONE E SINERGIE SONO SOLO PAROLE". MA FULIGNI E ZINGONI PROPONGONO UN RIMEDIO PER ASSORBIRLO: "CHE NE PENSA KUTUFA"?

"PIU' SOVVENZIONI PER SPALMARE L'AUMENTO SU 3 ANNI"

“E’ l’ennesima dimostrazione che in questa regione, la mano sinistra non sa cosa fa l’altra mano, anch’essa sinistra”.
Dopo gli aumenti dei biglietti Toremar, il gruppo provinciale di Forza Italia rileva che -nonostante le più “parole più gettonate” a sinistra siano “concertazione”, “sinergia” e “condivisione” – quando si passa dalle parole ai fatti la sinistra si dimentica di tutto”.
Ricordano i consiglieri Fuligni e Zingoni: “L’ora ministro dell’Università, Mussi, poco tempo fa, in un’interrogazione parlamentare su Toremar chiedeva ministro Lunardi ‘se non ritenesse opportuno, nella prossima legge finanziaria, definire appropriati investimenti affinché non siano tagliati servizi nei trasporti marittimi pubblici’ Adesso, preso atto che la Finanziaria di Prodi, non ha messo un euro su questo capitolo, i soldi li devono versare i cittadini. Si tratta dell’ennesimo fallimento di una sinistra che farà ricadere i suoi effetti disastrosi ancora una volta su quei cittadini, in particolar modo lavoratori pendolari, imprese e abitanti dell’isola d’Elba, che hanno il diritto di avere collegamenti marittimi efficienti tra le isole dell’Arcipelago toscano e il continente”.
Il capogruppo e il consigliere elbano di Forza Italia, sottolineano che “molti operatori del settore turistico avevano già stipulato contratti di vacanza, concordati con la vecchia tariffa, e pertanto subiranno un danno economico da questa imprevisto aumento”, e che “sarebbe stato opportuno comunicare preventivamente, magari con un margine di anticipo semestrale, la volontà di ritoccare le tariffe”. In un’interrogazione, Forza Italia chiede al presidente della Provincia e l’assessore ai Trasporti “come giudicano l’operato di Toremar, che sebbene azienda pubblica opera aumenti così elevati in senza minimamente informare le istituzioni locali invece non sono state informate neppure le istituzioni locali”. E inoltre domandano se “non ritengano opportuno l’invio di una lettera di Kutufà al ministro dei Trasporti Bianchi, affinché sia incrementata la sovvenzione statale annua che ha – come è noto – lo scopo di riportare in equilibrio il divario costi-ricavi, in maniera che l’aumento del 12% possa essere diluito in tre anni, consentendo l’assorbimento graduale da parte dei cittadini e dell’economia elbana”.