Quantcast
NUOVO AUMENTO DEI BIGLIETTI TOREMAR DAL 1° APRILE - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

NUOVO AUMENTO DEI BIGLIETTI TOREMAR DAL 1° APRILE

RINCARO PER PASSEGGERI (FINO A 1,10 EURO) E AUTO (2,40 EURO). LA COMPAGNIA: "RECUPERO DI SPESE GESTIONALI". ALBERGATORI: "BALZELLI"

NUOVO AUMENTO DEI BIGLIETTI TOREMAR DAL 1° APRILE

I biglietti Toremar aumenteranno ancora, dal 1° aprile. A confermarcelo è proprio il dirigente dell’ufficio commerciale di Toremar Livorno, Luca Saffi.
Gli aumenti non interesseranno, i residenti, né i veicoli commerciali, interesseranno solo i “non residenti”. Gli aumenti, significativi, vanno da 1 euro a 1 euro e 10 per i passeggeri (a seconda la tratta), e toccano i 2 euro e 40 per le auto.
“Si tratta di recupero costi per spese gestionali – ci ha detto Saffi – e poi non applicavano da molto tempo un aumento sulle tariffe”.
Fatti salvi – almeno per ora – i residenti, vediamo quanto costerà traghettare da e per l’isola d’Elba.
Attualmente un biglietto passeggero Toremar costa (solo andata) 8,10 euro, e il biglietto solo auto (escluso passeggero) costa 25,26 euro. Con gli aumenti, un biglietto passeggero costerà 9,10 euro, e quello per l’automobile 27,66 euro.
La Moby Lines, la compagnia di navigazioni privata, chiede 11,70 euro per un passeggero, mentre per un mezzo più autista si spende intorno ai euro 35,90 (a seconda della fascia oraria).
Al momento Moby Lines non sembra annunciare aumenti tarriffari, dopo l’ultimo “giustificato” con l’incremento del prezzo del gasolio.
Abbiamo chiesto al presidente dell’associazione albergatori elbani, Mauro Antonini, cosa pensa di questi aumenti. “Si tratta – ci ha risposto – di ‘balzelli’ entrati in vigore con gli aumenti del gasolio e dell’autorità portuale. Non posso certo pensarne bene, ma d’altronde noi albergatori non possiamo entrare nel merito dell’economia aziendale delle compagnie. Chi è penalizzato, è evidente – ha detto ancora Antonini – è il turista. Quel che è scandaloso – ha concluso – è che il costo in proporzione è quasi uguale a quanto si spende sulla tratta Civitavecchia-Olbia”.

rb