Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

MACCHINA RUBATA E DOCUMENTI FALSI, ARRESTATO

UN TRAPANESE APPENA USCITO DAL DON BOSCO DI PISA E' STATO FERMATO STANOTTE DAI CARABINIERI: DOVRA' STARE LONTANO DALL'ELBA PER TRE ANNI

MACCHINA RUBATA E DOCUMENTI FALSI, ARRESTATO

Aveva con sé: un grimaldello, alcuni grammi di hascish, un carnet di assegni di provenienza illecita. E viaggiava su una Daewoo Matiz rubata il 17 marzo a Pisa. E’ stato fermato e arrestato nella notte, durante un regolare controllo del Nucleo radiomobile dei carabinieri di Portoferraio. L’uomo, un pluripregiudicato nato a Pisa ma residente a Trapani, era stato scarcerato a gennaio dal carcere Don Bosco. Era sprovvisto di documenti, ma con un curriculum fitto di precedenti penali, e di documenti che sono al vaglio degli inquirenti, ma si suppone potessero servisse per commettere atti illeciti sull’isola. Identificato grazie ad una foto segnaletica, è accusato di ricettazione (per l’automobile). Nei suoi confronti è stato adottato un provvedimento restrittivo: dovrà stare lontano dall’isola per tre anni, inoltre il tribunale di Trapani gli farà scontare 1 anno e 9 mesi di sorveglianza di pubblica sicurezza (sentenza che era già stata emessa, ma non ancora notificata).