LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

NEL BILANCIO C’E’ UNA PREVISIONE DI SPESA PER GLI ORTI

SCENDE L’ICI SULLA PRIMA CASA. ZINI PARLA DI UN INTERVENTO ALLA 'BARACCOPOLI'. BASTERA' A SODDISFARE LE RICHIESTE DI RIFONDAZIONE?

NEL BILANCIO C'E' UNA PREVISIONE DI SPESA PER GLI ORTI

Nel bilancio di previsione per il 2007 c’è una previsione di spesa per gli Orti, gli alloggi prefabbricati alle porte di Portoferraio sul cui smantellamento il partito della Rifondazione Comunista ha posto condizioni moto nette al resto della maggioranza e alla giunta. “Nel rispetto degli accordi programmatici su cui abbiamo chiesto il voto agli elettori, voteremo il bilancio 2007 solo se avrà chiara ed esplicita la soluzione di quella vergogna”. Questo l‘aut aut che il circolo elbano di Rifondazione ha lanciato meno di tre mesi fa. Ora la bozza del bilancio è pronta, e si appresta ad andare in commissione la settimana prossima, per l’esame preliminare del consiglio. Interpellato da TirrenoElbaNews, il vicesindaco di Portoferraio, delegato al Bilancio, Angelo Zini, dei Ds, ha annunciato: “E’ previsto un intervento sugli Orti, come chiesto da Rifondazione. Si tratta di una strategia ampia, che tiene conto anche di situazioni simili agli Orti – vedi palazzo Coppedè – e che vede un impegno dell’Amministrazione sull’edilizia economica e popolare. Un impegno contenuto sia nelle cifre sia nella relazione politica, e che va in due direzioni: un intervento nel medio periodo che mira a reperire alloggi esistenti per destinarli a queste situazioni, e uno a lungo termine che punta invece a creare nuove costruzioni”.
Questa la dichiarazione di Zini. Per valutare la congruità dello stanziamento e la soddisfazione di Rifondazione, non resta che misurare l’entità di questo impegno economico, le possibilità concrete e logistiche che offre, e i tempi di questo “medio periodo”, considerato che Rifondazione ha parlato di un anno al massimo per risolvere l’emergenza (“una priorità assoluta: arrivare a far sì che il 2008 inizi senza più la vergognosa baraccopoli”).
Ma nel bilancio che si appresta ad andare in consiglio ci sono altre importanti novità. La prima sull’Ici: sono previste delle riduzioni sulla prima casa dal 4,8 al 4,4 per mille. Resteranno invariate le aliquote della Tariffa di igiene ambientale, ma saranno alcune modifiche delle agevolazioni per alcune categorie di utenti, come le scuole, modifiche che tengono conto – per esempio – della distanza dal cassonetto.