Quantcast
SEGRETARIO DELLA MARGHERITA ANIMA IL 'NO' PIAGGESE - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

SEGRETARIO DELLA MARGHERITA ANIMA IL ‘NO’ PIAGGESE

IL RESPONSABILE LOCALE DEL PARTITO, BARGHINI, E' FRA I PROMOTORI DELLA PETIZIONE PER USCIRE DAL PNAT: "L' INIZIATIVA E' TRASVERSALE. E' GIUSTO CHE I CITTADINI POSSANO DECIDERE SU UNA QUESTIONE TANTO IMPORTANTE"

SEGRETARIO DELLA MARGHERITA ANIMA IL 'NO' PIAGGESE

Ha suscitato diverse reazioni, la mobilitazione anti-parco di Rio Marina, di cui TirrenoElbaNews ha parlato già due giorni fa.
La petizione indirizzata al sindaco di Rio Marina chiede di respingere l’introduzione delle aree marine protette, e sollecita un referendum anche sul parco a terra. A quanto pare, prima ancora della conta delle firme che ne misurerà il consenso, l’iniziativa ha riscosso un certo successo. Il sindaco Bosi ha risposto ieri in modo interlocutorio, dando l’impressione di essere poco disponibile a cavalcare la nuova ondata (vedremo se sarà solo risacca o piuttosto una nuova mareggiata) per tenersela semmai come una carta da giocare nel “tavolo elbano”. Quanto possa essere insidioso per il parco e gli “ambientalisti radicali”, il riemergere di questi umori e movimenti, lo dimostra la furiosa reazione del circolo locale di Legambiente, che ha riproposto la perentoria stroncatura riservata al fronte anti-parco di Marciana e alla petizione partita anche al Giglio (e la decisione di Tozzi di scomodarsi per andare lì a spiegare e convincere i riottosi). Se tre comuni delle isole restassero a guardare, le aree marine protette partirebbero zoppe, come già l’urbanistica associata (il cosiddetto piano strutturale unico).
A quanto risultava a TirrenoElbaNews, la composizione – anche politica – del fronte anti-parco in realtà sarebbe più complessa e frastagliata di quanto non credano (o facciano credere) le prime reazioni degli ambientalisti (che hanno parlato di estremisti di destra e cacciatori di frodo). Infatti, fra i principali promotori e artefici – se non il principale – della petizione, che peraltro sembra ricollegata in qualche modo (anche testualmente) a quella gigliese, c’è anche il responsabile locale della Margherita, Marcello Barghini (nominato circa due settimane fa dall’assise elbana del partito). Interpellato, Barghini conferma il suo impegno nella mobilitazione, ma tiene a sottolieare che l’iniziativa non impegna il suo partito: “E’ un movimento civico, popolare e trasversale – ci ha detto il segretario locale -ci sembra giusto che i cittadini di Rio Marina siano chiamati a decidere direttamente su una questione tanto importante. Anzi, a quanto mi risulta, la mobilitazione si sta allargando anche a Rio Elba”.

L.S.