Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

ELETTRODOTTO, ORA ANCHE LA REGIONE E’ PER LO STOP

RIUNIONE CON IL CAPO DI GABINETTO DI MARTINI. TUTTI I COMUNI D'ACCORDO

ELETTRODOTTO, ORA ANCHE LA REGIONE E' PER LO STOP

La Regione acconsente allo stop dell’elettrodotto che hanno chiesto comune di Portoferraio, Parco e Comunità Montana. E’ stato l’ente comprensoriale ad assumere l’iniziativa di una richiesta di sospensione, posizione cui hanno aderito il Parco, la Provincia, infine tutti i comuni (mentre solo Portoferraio si era inizialmente opposto in conferenza dei servizi). La richiesta di sospensiva oggi è stata condivisa da tutti, anche da Antonio Cirri, capo di gabinetto del presidente della Regione. Per la provincia oggi a Firenze c’era Massimo Tognotti, dirigente del settore Ambiente. Per il Parco il commissario Arancini, per Portoferraio l’assessore Garfagnoli e l’architetto Parigi. I comuni assenti hanno delegato la Comunità Montana a rappresentarli. L’amministrazione comunale di Rio Marina ha inviato un documento che sostiene la sospensiva del progetto. Sul tavolo, le perplessità e i dubbi maturati in questi mesi, e la richiesta di tempo, per vagliare le alternative alla soluzione dell’elettrodotto targato Terna-Enel. “Tutto ruota su due domande – ha detto il presidente Alessi a Tenews –
qual’è il bisogno energetico per l’Elba, e quali sono gli strumenti che possono soddisfare questo bisogno. Domande alle quali si dovranno dare delle risposte”.
Nei prossimi mesi il Parco incontrerà Terna e Enel, e la Comunità Montana continuerà il suo studio – inserito in Agenda 21 – sulle risorse energetiche.
“Prima di un incontro con le due aziende – ha detto Alessi – ci è sembrato doveroso concordare una posizione con le parti le ‘parti’ interessate”.

Ri.Bla.