LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

AUTOVELOX, IN ARRIVO ALTRE CINQUE POSTAZIONI

DUE SARANNO INSTALLATE A PORTO AZZURRO E BEN TRE A PORTOFERRAIO

AUTOVELOX, IN ARRIVO ALTRE CINQUE POSTAZIONI

Occhio ai limiti di velocità, anche sulle strade dell’Elba. Se con le prime apparizioni degli autovelox sul territorio – quattro a Capoliveri e due a Marciana – erano subito nate le polemiche, le prossime installazioni decise dalle amministrazioni locali renderanno pressoché impossibile sfuggire alle limitazioni imposte sulle pur tortuose strade dell’isola.
Il comune di Porto Azzurro avrebbe deciso proprio in questi giorni di piazzare sulle sue strade due coppie di autovelox: le zone più indicate per inserire deterrenti alla velocità sembrano essere state individuate in località Pianetto, sulla provinciale per Rio Marina in prossimità della Piccola Miniera, ed in località Mola, al termine della serie di curve che dal Fanaletto vanno verso il semaforo.
Un contatto con la ditta installatrice dei macchinari sarebbe avvenuto anche da parte del comune di Portoferraio, che avrebbe intenzione di installare sul proprio territorio ben tre postazioni bilaterali, in grado cioè di effettuare verifiche della velocità in entrambi i sensi di marcia.
Le tre postazioni sarebbero state individuate sulla strada a quattro corsie in ingresso alla città, sul piano di San Giovanni e in località Scotto, sulla provinciale per Procchio, in prossimità della fontana pubblica che si trova a bordo strada.
Con queste nuove installazioni saranno quindi ben 16 le macchinette autovelox piazzate sulle strade elbane: le quattro di Capoliveri – due in Viale Australia e due a Margidore e Lacona – le due di Marciana in entrambi i sensi di marcia ai Marmi, le due coppie di Porto Azzurro e , appunto, le tre postazioni bivalenti di Portoferraio.
A proposito del Comune di Marciana, una polemica sta riguardando in questi giorni l’apparecchio installato in località Marmi in direzione di Procchio: la protesta riguarderebbe la posizione della macchinetta autovelox, che però – contrariamente a quanto affermato – si troverebbe ben all’interno del territorio comunale di Marciana. I Comandi di Polizia Municipale, da noi interpellati, affermano che sono in corso verifiche sulla legittimità di questa installazione. Nel frattempo entrambi i dispositivi presenti sul posto sono stati disattivati. “Si tratta comunque di dispositivi necessari per limitare la velocità delle auto, per motivi di sicurezza”, hanno rassicurato i vigili urbani. Non altrettanto sereni gli automobilisti, che d’ora in poi – anche all’Elba – dovranno prestare davvero una maggiore attenzione ai cartelli stradali ed alle limitazioni indicate.