Quantcast
"SALUTE PARTECIPATA", CONSULTA DEI DS SULLA SANITA' - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“SALUTE PARTECIPATA”, CONSULTA DEI DS SULLA SANITA’

L'ORGANISMO ESAMINERA' I PROGRAMMI DELLE ISTITUZIONI LOCALI

"SALUTE PARTECIPATA", CONSULTA DEI DS SULLA SANITA'

La chiamano “Salute Partecipata”. E’ una consulta composta da iscritti e non iscritti ai Ds che si occupano di sanità e problematiche sociali sotto diversi profili, e vogliono mettere a disposizione la loro esperienza , anche in vista della “costruzione della cultura politica del futuro Partito Democratico”.
“Uno strumento dal duplice significato – dicono i Ds – arricchire il partito e la cultura riformista della Val di Cornia e dell’Isola d’Elba di saperi e di competenze nel campo sanitario e dall’altro allargare la partecipazione a quei cittadini che pur non avendo tessere di partito possono cosi avvicinarsi alla politica con una militanza parziale, tematica, fondata sulle proprie competenze”.
“E’ una bella sfida – sostiene Cinzia Cioncoloni che insieme a Mario Bucci Responsabile Ambiente e Sanità dei Ds e Roberto Menicucci coordinatore di Salute Partecipata, ha lavorato alla costruzione di questa iniziativa- ma c’è bisogno come il pane di discutere di questi temi che toccano direttamente la vita dei cittadini e trasformarle in proposta politica. E’ mesi che ci lavoriamo e crediamo che ci siano le condizioni per costruire una esperienza originale e innovativa “
Gli obiettivi di “Salute Partecipata” sono: organizzare iniziative su problematiche attuali concernenti argomenti socio sanitari, locali e non, diffondere una moderna cultura della salute, rileggere insieme le pagine dei programmi di governo locale, elaborare proposte, contribuendo così alla realizzazione del programma a livello locale, regionale e nazionale.
“Aprirla senza tentennamenti, avvicinarla ai cittadini, misurarla con la vita concreta della persone, arricchirla di competenze, la politica o è questa o non è. Con Salute Partecipata diamo vita ad un strumento aperto a cui tutti i cittadini interessati possono aderire. Noi il tema della partecipazione lo decliniamo in una pratica quotidiana, diciamo. Tra praticare la partecipazione e discutere di partecipazione noi preferiamo la prima , se non altro perché è più appassionante e senz’altro meno virtuale se non onanistico – questo è il commento all’iniziativa del Segretario della Federazione DS Matteo Tortolini”.