LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“SISTEMI SATELLITARI PER IL CONTROLLO DELLE NAVI”

IL DS GIANNULLO CHIEDE ALLA PROVINCIA UNA CONFERENZA DEI SERVIZI: "GLI INCIDENTI DI QUESTI GIORNI RIPROPONGONO IL PROBLEMA ANCHE NEL CANALE DI PIOMBINO, DOVE MANCANO STRUMENTI DI CONTROLLO ADEGUATI"

"SISTEMI SATELLITARI PER IL CONTROLLO DELLE NAVI"

La Provincia s’impegni a istituire una Conferenza dei servizi con l’Autorità marittima e le Autorità portuali di Livorno e Piombino, per dotare il canale di Piombino degli strumenti necessari a garantire la sicurezza della navigazione e la tutela dell’ambiente”.
Lo chiede il consigliere provinciale dei Ds Mario Giannullo (è anche segretario dell’unione elbana), evidenziando che “i numerosi incidenti di questi giorni, in Italia (Stretto di Messina) e in altre parti dell’Europa (incaglio di due navi portacontainer nel Canale della Manica), ripropongono per la loro drammaticità (perdite di vite umane e seri danni all’ambiente circostante) il problema della sicurezza della navigazione anche nell’area di mare che bagna le coste e le isole della nostra Provincia”
“Il canale di Piombino e le isole dell’Arcipelago Toscano – scrive Giannullo – sono interessate da un notevole traffico marittimo. A Piombino sono presenti siti industriali ed energetici, approvvigionati quasi quotidianamente con materie prime che giungono via mare (minerali di ferro, carboni e olio combustibile). E Portoferraio riceve da marzo a ottobre anche numerose navi da crociera”.
Per ragioni di sicurezza dei passeggeri e di tutela dell’ambiente (specie in un territorio che include il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano ed il Santuario dei Cetacei) insomma, per Giannullo, ora che la Finanziaria ha “sbloccato notevoli risorse per il sistema marittimo/portuale”, si rende necessaria un’iniziativa per rendere più sicuro il traffico marittimo nel canale di Piombino, dove non sono presenti adeguati sistemi di controllo Vts (il vessel-traffic-system, sistema satellitare che permette l’identificazione delle navi).