Quantcast
"NON FACCIAMO NESSUNA CORSA CLANDESTINA DI AUTO", AL TUNING CLUB SI DIFENDONO: "MODIFICHE LEGALI" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“NON FACCIAMO NESSUNA CORSA CLANDESTINA DI AUTO”, AL TUNING CLUB SI DIFENDONO: “MODIFICHE LEGALI”

“LA NOSTRA È SOLO UNA INNOCUA PASSIONE ESTETICA” DICONO I RAGAZZI CHE HANNO SUBITO IL SEQUESTRO DI DUE AUTOMOBILI "TRUCCATE"

"NON FACCIAMO NESSUNA CORSA CLANDESTINA DI AUTO", AL TUNING CLUB SI DIFENDONO: "MODIFICHE LEGALI"

“La nostra è solo passione, legale e soprattutto innocua”. Si vogliono difendere i ragazzi del Tuning Club, che prende il nome dalla pratica – sempre più diffusa – di abbellire le auto con gadget di ogni tipo. Sono stati fermati con elaborazioni che la Polizia Stradale ha giudicato irregolari: modifiche non conformi alle immatricolazioni.
Per questo due delle loro auto sono state sequestrate. I ragazzi sostengono che le auto sono “truccate” regolarmente. “La barra di ferro che abbiamo posizionato nel vano motore è legale – sostengono – ci siamo documentati, lo stesso vale per le altre modifiche”.
Ma quello che a loro preme ancor di più è smentire una voce, che anche noi abbiamo raccolto, quella che sulla strade elbane siano state allestite gare clandestine, con tanto di scommesse.
“La nostra è solo passione per l’estetica delle auto – ci tengono a precisare – non abbiamo mai partecipato a corse illegali e ci sembra ingiusto il sequestro dei nostri mezzi. Mai fatte corse illegali – assicurano – ci teniamo troppo alle nostre auto per rischiare incidenti o far male a qualcuno, non vogliamo essere puniti solo per una innocua passione”.