Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

INCENDIO DOMENICA A CAPOLIVERI, E’ STATO COLPOSO

STAVOLTA E’ ESCLUSO IL DOLO, E' STATA SOLO IMPERIZIA DEL CUSTODE DI UN TERRENO, CHE HA BRUCIATO DELLE STERPAGLIE (ED E' STATO DENUNCIATO)

INCENDIO DOMENICA A CAPOLIVERI, E' STATO COLPOSO

Quando, alle 19.30 di ieri (domenica), è arrivata alla stazione dei carabinieri di Capoliveri una telefonata che annunciava un incendio a Straccoligno, si è temuto ancora una volta un episodio doloso, sulla falsariga di quanto accaduto fin troppe volte negli ultimi mesi all’Elba.
Nel frattempo, i Vigili del Fuoco del distaccamento di Portoferraio, scortati dalla Polizia Municipale e dai volontari della Protezione Civile Novac di Capoliveri erano già accorsi sul posto: l’incendio interessava una zona non lontana dalla spiaggia, dove una baracca in lamiera è andata completamente distrutta prima che il personale antincendi riuscisse a circoscrivere il fuoco. Al suo interno attrezzi agricoli e uno scooter, andati anch’essi completamente distrutti. Per fortuna il fuoco rimaneva circoscritto alla zona della baracca e non si propagava alla fitta vegetazione circostante; le operazioni di spegnimento si concludevano già alle 20.30.
Le successive indagini dei Carabinieri, condotte dal nuovo comandante della stazione di Capoliveri, luogotenente Leonardo Interdonato, fugavano fortunatamente le ipotesi di dolo: nel pomeriggio erano state bruciate delle sterpaglie vicino alla baracca, senza però verificarne il completo spegnimento. Il vento di grecale che si era alzato dopo il tramonto ha fatto il resto.
L’incauto custode dell’area, G.E. – queste le iniziali – 60 anni, capoliverese, è stato denunciato alla Procura della Repubblica per il reato di incendio colposo.