Quantcast
TOZZI A TENEWS: "SUBITO LE MIE SCUSE AGLI ELBANI, SE LI HO OFFESI, MA L'INCIDENTE NON CAMBIA NULLA" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

TOZZI A TENEWS: “SUBITO LE MIE SCUSE AGLI ELBANI, SE LI HO OFFESI, MA L’INCIDENTE NON CAMBIA NULLA”

L'INTERVISTA CON IL PROFESSORE NEODESIGNATO AL PNAT: "PARLAVO DA STUDIOSO, NON DA PRESIDENTE". "CHI ME LO HA FATTO FARE? LA PASSIONE"

TOZZI A TENEWS: "SUBITO LE MIE SCUSE AGLI ELBANI, SE LI HO OFFESI, MA L'INCIDENTE NON CAMBIA NULLA"

La smentita no, ma le scuse sono arrivate, in un’intervista rilasciata a Tenews dal designato presidente del Parco Nazionale. Professore, anche i suoi potenziali “alleati politici” vogliono le sue scuse formali..“Io senz’altro mi scuso se quelle mie parole sono state ritenute offensive – risponde il professore – subito mi scuso, ma aggiungo che non sono giustificate dal contesto in cui avevo parlato, cioè in senso generale. Quando ad esempio parlo di arretratezza culturale rispetto all’ambiente parlo di tutta l’Italia in generale, altra cosa è dire che gli elbani sono arretrati culturalmente”. Uno “scambio di ottica”, lo chiama cosi, “che ha cambiato il senso delle mie affermazioni”, “dichiarazioni riferite alla realtà generale che riportate a quella locale possono diventare offensive”.
Non dice mai che il giornalista elbano che lo ha intervistato per “Trentagiorni” si è inventato qualcosa, ma che “le colpe vanno ripartite”. “Non voglio darne una colpa a nessuno, non all’amico giornalista, è stato un malinteso, basta così”.
Un uomo di televisione che ammette che “la comunicazione non ha funzionato”. “Io non parlavo da presidente dell’isola – dice – perché io la situazione elbana la conosco come geologo, come turista e come conduttore di Gaia, ma non la conosco nel dettaglio”.
Si dice che la sua nomina, a un passo dal traguardo, potrebbe non arrivare mai. Ha sentito il ministro? “Io non vado a chiedere l’evolversi della situazione al ministero, se chi deve ratificare la mia nomina, cioè la commissione Ambiente del Senato, sostiene che io abbia le competenze per farlo lo farà, se non ritiene che le abbia non lo farà. Non vedo i motivi per cui dovrebbe influire questo incidente”.
Professore, lei è un geologo romano, ha la sua carriera accademica, la sua visibilità, ma chi glielo ha fatto fare di calarsi in questa realtà così lontana dalla sua vita, dal suo lavoro?
“Non mi sento lontano professionalmente, questo è un parco che ha una grande parte geologico-mineraria della quale io sono competente. Detto questo me l’ha fatto fare una sola cosa: la passione, perché certamente non è una questione di denari né una questione di benemerenze politiche che non cerco e non voglio. Io non sono un uomo di partito, sono un uomo che si interessa della difesa dell’Ambiente, questa è la mia unica competenza”.

Tenews