Quantcast
ELBAMAN, IL TRIATHLON ESTREMO E’ SBARCATO ALL’ELBA - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

ELBAMAN, IL TRIATHLON ESTREMO E’ SBARCATO ALL’ELBA

151 ATLETI HANNO AFFRONTATO 3.8 KM DI NUOTO, 180 IN BICI E UNA MARATONA

ELBAMAN, IL TRIATHLON ESTREMO E’ SBARCATO ALL’ELBA

Per il secondo anno consecutivo il Triathlonlecco, capeggiato dal presidente Renzo Straniero e da Marco Scotti nel ruolo di Event Manager, è riuscito a far disputare l’unica competizione di distanza ironman Italiana, l’Elbaman che, come dice il nome stesso, si è corso domenica 1 ottobre all’Isola Elba con centro nevralgico a Marina di Campo.
Un clima favoloso ha accolto per tutto il fine settimana i 151 atleti iscritti, un buon numero per una gara solo alla seconda edizione con un incremento del 50% e, soprattutto, con la massiccia presenza di stranieri (ben 102) con 18 nazioni rappresentate per tutta l’europa e anche gli USA. Pubblico delle grandi occasioni con tantissimi turisti fermi per ore ad acclamare gli atleti impegnati sui vari percorsi.
Uno sforzo organizzativo immenso iniziato già nel mese di dicembre precedente e continuato per tutto l’anno e che è sfociato in un successo davvero incredibile. Tanta strada al momento si deve ancora fare, ma Marco e Renzo hanno per le mani un prodotto molto valido da far crescere che, nel giro di pochi anni, potrà sicuramente competere a livello mondiale con le più blasonate competizioni ironman.
Passando alla competizione, anche quest’anno gli Italiani non sono riusciti a trarre il bottino pieno, ma “solo” 2 ottimi secondi posti con il bolognese della Nazionale Federico Girasole e la ferrarese del CUS Elisabetta Stampi.
Il “vento che soffia dall’est” si è fatto sentire all’Elba e cosi le vittorie sono andate a due autentici campioni, l’ungherese Josef Major e la bielorussa Natalizia Barkun che bissa il successo 2005 con un dominio imbarazzante.
Gara MASCHILE : La gara parte perfettamente con gli atleti allineati sulla spiaggia e al primo giro swim transita solitario l’olandese Paul Zirkzee seguito dal francese Sebastien Dussastre, mentre il gruppo alla spicciolata con Girasole, Major e tutti i favoriti.
Alla fine del nuoto è nuovamente Zirkzee a salire per primo in sella seguito da Dussartre, Girasole, Jhonson (GBR) e Arroyo (FRA).
Il percorso bici che si deve affrontare è davvero selettivo e alla fine nessuno sarà in grado di scendere sotto le 5h per i 180km. Dopo il primo giro è Girasole a condurre seguito da Dussastre, ma è proprio sulle rampe di S.Piero e di Marciana che Major sferra l’attacco decisivo che gli fa guadagnare oltre 2 minuti di vantaggio e lo porta primo alla fine del 2° giro. Il vantaggio sale ancora nel terzo giro e in T2 si presenta con oltre 8 minuti di vantaggio su Girasole ed il sorprendente svizzero del Ticino Beyeler. Nella maratona finale le cose non cambiano sostanzialmente e l’atleta magiaro impone un ritmo insostenibile da chiunque andando a chiudere in 9h04’ con ben 24’ di vantaggio su un fantastico “Gira” e ben 45 sullo svizzero ! Ai piedi del podio per soli 3 minuti il francese Villana davanti all’altro francese Bertocchi.
In campo FEMMINILE, la bielorussa Natallia Barkun bissa il successo 2005 in maniera perentoria facendo segnare il miglior tempo in ciascuna frazione e chiudendo (al 16° posto assoluto !) con un vantaggio di quasi 50’ sulla seconda classificata, la bravissima Elisabetta Stampi che rimonta dal 4° posto dopo la bici con una maratona da incorniciare. Terza la PRO tedesca Gruber che ha dovuto fare uno piccolo stop in maratona a causa di un ginocchio dolorante. Dopo qualche minuto con il ghiaccio riparte acciaccata, stringe i denti e batte la gallese Fallows per soli 3’ dopo oltre 11h e mezza di gara! Proprio la Fallows, terza nel 2005, è stata la delusione della giornata a causa di un male di stomaco devastante che l’ha penalizzata per metà ciclismo e per tutti gli ultimi, inteminabili, 42km.
La giornata perfetta è stata chiusa alle ore 24, a 10’ dal tempo limite, con l’arrivo della stoica e californiana Stinson che, in 16h50’, ha terminato una delle più spettacolari e dure competizioni su distanza ironman esistenti.
Novità del 2006 l’introduzione della gara a STAFFETTA dove Team di 3 atleti si dividevano le 3 fasi di gara, ciò alfine di introdurre al triathlon anche persone specializzate in una sola disciplina. In gara tutti team italiani con il dominio del Freestyle Triathlon che vince con la maratona più veloce in assoluto di Checcacci. Al secondo posto gli scatenati e simpaticissimi amici del Cus Ferrara davanti ai locali ed acclamatissimi FISICO IN ALLESTIMENTO. Da segnalare la presenza anche di 2 staffette totalmente femminili con il GARDA TRENTINO, 6° e LE RAGAZZE DI GORIZIA all’8° posto.
Per il 2007 la data è, al 90%, fissata al 7 Ottobre. Il comitato organizzatore sta già lavorando e ogni informazione può essere richiesta alla email info@elbaman.it o visitando il sito www.elbaman.it