Quantcast
SOCCORSO ROSSO E’ SBARCATO A CAVO! - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

SOCCORSO ROSSO E’ SBARCATO A CAVO!

DOVE SI CONSUMERA’ PER L’ENNESIMA VOLTA IL COLLAUDATO RITO MEDIATICO-GIROTONDINO

Soccorso rosso, il famoso circo equestre della sinistra alternativa e movimentista elbana s’è messo finalmente in moto anche per la spiaggia di Cavo. Fino a ieri sulla questione regnava l’indifferenza più assoluta. Sei anni di degrado, di acque rosse, di ghiaie taglienti, di spiaggia sequestrata e di turisti in fuga non interessavano nessuno. Cavo e i Cavesi e con loro tutto il Versante Orientale, potevano pure languire in una lenta irreversibile agonia, e nessuno di lor signori avrebbe levato un dito. Ma è bastato che il solito clown battesse sapientemente la grancassa, per far scendere in pista i noti giocolieri, mangiafuoco, domatori e acrobati a replicare, per l’ennesima volta, il vecchio e collaudato, ma ormai stucchevole spettacolo di sempre. E’ bastato, cioè, che il Comune di Rio Marina rendesse pubblica una pregevole proiezione computerizzata del già noto progetto elaborato congiuntamente dai tecnici di Provincia e Comune, che subito ha tuonato il gran tamburo mediatico dei girotondi. Prima Legambiente e poi, a seguire, tecnici, chimici e geologi (mai sentiti prima sulla questione) si sono prodigati in obiezioni e critiche. E’ arrivato perfino un “amarcord”, pregevole sotto il profilo letterario, ma tardivo. Purtroppo! Ci aspettiamo ora un dotto intervento sulla… “mineralogia dei litorali” ed un’appassionata lezione di… “storia dei ripascimenti”, cui farà seguito una raccolta di firme di altri valenti cattedratici. Avremo, forse, anche un sit-in sul Lungomare Kennedy. Poi, tra qualche giorno, ritorneranno il silenzio e l’indifferenza di sempre; ma la missione ormai sarà compiuta. A lor signori interessa solo che si consumi il rito! E pensare che quando si doveva e si poteva impedire ai camion di scaricare il minerale fangoso su quel gioiellino di spiaggia (che fu!), l’unico che tentò un’azione di protesta fu Giancarlo (un destro… non un verde. Chi l’avrebbe mai detto!): si sdraiò sulla strada per impedire il transito degli automezzi. Purtroppo, per noi, suscitò solo dileggio e indifferenza. Avremmo risparmiato tre milioni di euro!

NANNI GIOIELLO