Quantcast
SULLE ROTTE DEL FERRO: "UN PROGETTO CHE UNISCE L’ELBA E LA VAL DI CORNIA" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

SULLE ROTTE DEL FERRO: “UN PROGETTO CHE UNISCE L’ELBA E LA VAL DI CORNIA”

IL PRESIDENTE DEL PARCO MINERARIO LORENZO MARCHETTI: “RINGRAZIO DANILO ALESSI PER AVER RICORDATO, NELLA LETTERA APERTA INVIATA AI SINDACI DI PORTOFERRAIO E PIOMBINO, LA VALENZA INTERCOMPRENSORIALE DEL PROGETTO”

SULLE ROTTE DEL FERRO: "UN PROGETTO CHE UNISCE L’ELBA E LA VAL DI CORNIA"

“D’altra parte – dice in una nota diffusa alla stampa Lorenzo Marchetti – l’impegno operativo e programmatorio degli enti locali è fondamentale per raggiungere gli obiettivi che ci sono stati assegnati dai nostri soci. Con la società dei Parchi della Val di Cornia ci accomuna la medesima storia, infatti ambedue rappresentiamo la risposta che i territori hanno dato negli anni novanta al declino delle attività estrattive e siderurgiche”.
“Abbiamo così raccolto – continua il Presidente del Parco Minerario – la sfida della trasformazione, guardare indietro per costruire un futuro di nuove opportunità . Le nostre aziende, difatti, sono impegnate a valorizzare quelli che ieri erano siti industriali, trasformandoli in giacimenti culturali di valenza internazionale”.
Afferma ancora Marchetti: “Con il progetto integrato Sulle rotte del ferro la società del Parco Minerario dell’Elba prosegue quel cammino intrapreso quest’anno quando, proprio grazie alla mediazione della Comunità Montana, siamo riusciti a mettere insieme un’offerta che comprende quattro musei dei minerali, dell’archeologia e dell’arte mineraria e ben tre escursione dedicate ai tesori ambientali e culturali dell’Elba orientale. Che dire poi della splendida arena inaugurata nei giorni scorsi? E’ bene ricordare – conclude il presidente del Parco Minerario Lorenzo Marchetti – come l’Anfiteatro sia una struttura che il Parco Minerario mette al servizio dell’intera Elba. Infatti, con i suoi 700 posti, si impone quale luogo d’incontro che per capienza, memoria storica e straordinaria bellezza del luogo non ha pari in tutta l’Isola”.