Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

TENTATO SUICIDIO ALL’INTERNO DI FORTE SAN GIACOMO. TRENTENNE ITALIANO IN CONDIZIONI DISPERATE

UN GIOVANE DETENUTO ITALIANO SOCCORSO ALL’INTERNO DELLA SUA CELLA E RIANIMATO AL PRONTO SOCCORSO DELL’OSPEDALE DOPO UN TENTATIVO DI IMPICCAGIONE

TENTATO SUICIDIO ALL’INTERNO DI FORTE SAN GIACOMO. TRENTENNE ITALIANO IN CONDIZIONI DISPERATE

Erano le sette di questa mattina quando è scattato l’allarme all’interno della Casa di Reclusione di Porto Azzurro, probabilmente al momento della “conta” del mattino da parte degli agenti di Polizia Penitenziaria in servizio all’interno di Forte San Giacomo.
Un giovane detenuto di trenta anni, di nazionalità italiana, era apparentemente senza vita all’interno della propria cella, e tutto faceva pensare ad un tentativo di suicidio mediante impiccagione.
Immediati i soccorsi, che trasportavano il recluso presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Portoferraio, dove il giovane veniva rianimato e intubato. Problemi, però, al momento del suo invio all’Ospedale di Pisa, che non ha potuto avvenire mediante l’elisoccorso, già tempestivamente allertato, in quanto per problemi di sicurezza il detenuto doveva essere costantemente scortato dagli agenti di Polizia Penitenziaria, per i quali non c’era materialmente posto all’interno dell’elicottero del 118.
Si provvedeva così a spostarlo a mezzo di una ambulanza attrezzata, sulla quale prendeva posto anche il primario di Rianimazione dell’ospedale elbano dottor Marino.
Le condizioni del giovane detenuto, apparse disperate già al momento del primo soccorso, sono attualmente stazionarie.