LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

IL PRIMO COMITATO PORTUALE DELL’ERA-GUERRIERI NOMINA PAOLA MANCUSO SEGRETARIO GENERALE DELL’AUTORITA’ PORTUALE

UNANIMITA’ SUI PRIMI PUNTI ALL'ORDINE DEL GIORNO, IL SALUTO DEL COMITATO AL PRESIDENTE USCENTE TABANI. L’INTESA POLITICA REGGE ALLA VERTENZA AMMINSTRATIVA DELLA LEGA NORD

IL PRIMO COMITATO PORTUALE DELL’ERA-GUERRIERI NOMINA PAOLA MANCUSO SEGRETARIO GENERALE DELL'AUTORITA' PORTUALE

Si è riunito stamani, il Comitato Portuale di Piombino, rinnovato nella sua composizione e presieduto per la prima volta dal neopresidente Luciano Guerrieri.
Hanno partecipato il Presidente della Provincia di Livorno, i Comuni di Piombino, Portoferraio e Rio Marina, i sindacati, le categorie, i rappresentanti degli operatori dei porti e tutti gli intervenuti hanno voluto salutare e ringraziare l’ex Presidente Tullio Tabani, e l’ormai ex Segretario Generale, Stelio Montomoli.
Tutti i punti all’ordine del giorno sono stati approvati all’unanimità. Tra questi il più importante, la nomina del nuovo segretario generale dell’Autorità Portuale, proposto da Luciano Guerrieri per sostituire l’uscente Stelio Montomoli. Si tratta come previsto dell’Avvocato Paola Mancuso, attuale Vicesindaco di Rio Marina. Si completa dunque il nuovo assetto dell’Autorità, dopo che la casella più importante già da alcune settimane era stata occupata dall’ex sindaco di Piombino, Luciano Guerrieri.
“Con la nomina della Mancuso si introduce un’importante precedente per l’Autorità, che dividendo i due incarichi più importanti fra “continente” ed Elba, diventa sempre di più Autorità Portuale di Piombino, Portoferraio e Rio Marina” ha voluto sottolineare l’Assessore alla Portualità del Comune di Rio Marina, Massimo Leonardi, delegato dal Sindaco Bosi all’importante appuntamento che ha ratificato l’intesa politica raggiunta fra DS locali, il Sottosegretario Sindaco di Rio Marina e il Ministro Matteoli.
La nomina della Mancuso porta a compimento dunque l’iter di rinnovamento del vertice amministrativo dell’Autorità Portuale, che a giorni inizierà a lavorare a pieno regime, nonostante i ricorsi presentati dalla Lega Nord e dalla Lista “Partecipazione e Libertà” di Portoferraio, che hanno intenzione di eccepire la presunta violazione della norma di legge che impone la presentazione al Ministro di una terna di nomi (mentre a Lunardi è stato indicato solo Guerrieri).
La vertenza amministrativa (o civile) non dovrebbe cambiare comunque l’esito finale delle nomine, che potrebbero al massimo essere rideliberate, visto che tutti gli attori dell’accordo istituzionale (Provincia, Comuni, Camera di Commercio) hanno ribadito la validità dell’intesa, “al di là di formalismi privi di sostanza”.