Quantcast
CATALINA SCHEZZINI “PUNZECCHIA LEGAMBIENTE”: "IL DEPURATORE DI BAGNAIA NON SCARICA IN MARE, E QUEI BATTERI DIPENDONO DA PORTOFERRAIO" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

CATALINA SCHEZZINI “PUNZECCHIA LEGAMBIENTE”: “IL DEPURATORE DI BAGNAIA NON SCARICA IN MARE, E QUEI BATTERI DIPENDONO DA PORTOFERRAIO”

“SODDISFATTA PER IL RAPPORTO DELL' ASSOCIAZIONE AMBIENTALISTA SUL MARE ELBANO, MA PERPLESSA “DALL’OMBRA” SU BAGNAIA: L’IMPIANTO DI DEPURAZIONE DELLA FRAZIONE NON SCARICA DIRETTAMENTE IN MARE”

CATALINA SCHEZZINI “PUNZECCHIA LEGAMBIENTE”: "IL DEPURATORE DI BAGNAIA NON SCARICA IN MARE, E QUEI BATTERI DIPENDONO DA PORTOFERRAIO"

Il Sindaco di Rio Nell’Elba interviene sul rapporto di Goletta Verde sul mare elbano:

“Ho letto con soddisfazione il comunicato di Lega Ambiente riguardo alle condizioni di salute delle acque elbane -dice la Schezzini.
Rimango, però, perplessa riguardo “all’ombra” su Bagnaia che si vuole attribuire alla vetustà dell’impianto.
Vorrei precisare che l’impianto di depurazione della frazione di Bagnaia, costruito all’inizio degli anni ’90 è di proprietà dei Comuni di Rio nell’Elba e Portoferraio e gestito dall’ASA, con tutti i controlli e le autorizzazioni del caso e non scarica direttamente in mare.
Probabilmente le presenza di Eschirichia coli (verifica, peraltro, non prevista dalle direttive europee) andrebbe attribuita non alla rada di Bagnaia ma al golfo di Portoferraio, all’interno del quale, il gioco delle correnti durante le giornate di maestrale, consegna alle nostre spiagge tutto quello che si muove e galleggia. Da qualche tempo, infatti, il nostro versante a mare è interessato da arrivi di “materiale vario” di materie plastiche di cui stiamo verificando la provenienza e di cui abbiamo chiesto conto ad ASA, gestore dell’intero ciclo delle acque elbane.
Vorrei, perciò, tranquillizzare cittadini e turisti della nostra più importante frazione marina: il nostro impianto non scarica niente di diverso di quello previsto e l’acqua nella rada è pulita e noi, comunque, siamo all’erta e disponibili a seguire la vicenda.”