Quantcast
LUIGI PIERI: "LO SDI NON E' A CACCIA DI POLTRONE E NON CHIEDE LE DIMISSIONI DI NESSUNO. TANTOMENO CHIEDE UN RIMPASTO DELLA GIUNTA PERIA" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

LUIGI PIERI: “LO SDI NON E’ A CACCIA DI POLTRONE E NON CHIEDE LE DIMISSIONI DI NESSUNO. TANTOMENO CHIEDE UN RIMPASTO DELLA GIUNTA PERIA”

IL SEGRETARIO DEL PARTITO DEL GAROFANO, FA CHIAREZZA DOPO ALCUNI EQUIVOCI CHE SI SONO SVILUPPATI IN SEGUITO AD UN SUO INTERVENTO SULLA STAMPA.

LUIGI PIERI: "LO SDI NON E' A CACCIA DI POLTRONE E NON CHIEDE LE DIMISSIONI DI NESSUNO. TANTOMENO CHIEDE UN RIMPASTO DELLA GIUNTA PERIA"

” Non ho mai richiesto le dimissioni di alcuno, né ho mai giudicato l’operato di singoli assessori”.
Questo l’inizio del comunicato con cui Luigi Pieri, segretario elbano dello SDI, interviene per chiarire una polemica che si era accesa nei giorni scorsi a proposito della Amministrazione Comunale di Portoferraio, che conta sull’appoggio dei socialisti anche se nessuno iscritto allo SDI ad oggi ha incarichi amministrativi al suo interno
“ Ho lamentato – continua Pieri – una scarsa visibilità, fino ad oggi, della Giunta Peria, che non riesce ad essere incisiva, a fronte di un forte impegno. Non cerco la polemica sterile nei confronti della Maggioranza, di cui ci sentiamo parte, e non agiamo con lo scopo di ottenere assessorati o altro”.
“Noi dello Sdi – precisa Pieri – vogliamo solo la giusta considerazione e pari dignità politica. Invece qualcuno non perde occasione per parlare di noi come ‘vecchia politica’ o ci disegna come ‘quelli a caccia di poltrone’. Anche in questi giorni abbiamo letto commenti
astiosi in merito alle iniziative che Fabrizio Antonini, con la collaborazione di altri colleghi del gruppo consiliare di Rio Marina, ha portato avanti per favorire il dibattito all’interno delle forze che si riconoscono nel CentroSinistra, senza, con questo, voler precostituire candidature di alcun genere.
Altri in modo capzioso ci ricollegano con le attività di Ettore Galli, che, com’è noto, ‘marcia’ da solo e non ha più niente a che vedere con lo SDI”.
”Credo – conclude il segretario dello Sdi – di aver già dimostrato con i fatti che il mio impegno politico è fatto con spirito di servizio e senza scelte opportunistiche, a difesa degli ideali socialisti e laici, sempre più irrinunciabili per la società in cui
viviamo”.