Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“GLI ELBANI DI CUI ABBIAMO BISOGNO”

UN INTERVENTO DI ELBA 2000 SU AUTONOMIA E CENTRALISMO

Vorremo intervenire brevemente per chiarire cosa intendiamo noi per Elbani e per Autonomia. Lo facciamo per rispondere a coloro che sono intervenuti apprezzando il nostro intervento sugli Elbani , l’Umanità e Autonomia. Non vi è dubbio che il sentimento che lega chiunque alla terra dov’è nato sia un valore, ma non ha alcun peso all’interno del nostro movimento, ne dovrebbe averne, almeno secondo noi, nella società in termini di diritti, opportunità ecc
Per essere più chiari, è elbano chiunque viva, lavori in quest’isola, e questo indipendentemente dalle sue origini, convinzioni religiose, credo politico, colore della pelle . E’ un principio generale questo, che dovrebbe essere valido in tutte le latitudini.
Per restare all’Elba, e noto che da oltre canale, sono arrivati in passato, e continuano adesso, faccendieri e speculatori, tutti ammanigliati con le segreterie dei partiti; ma arrivano anche persone per bene come, per fare un solo esempio, Bruno Paternò, che si batte per quest’isola, spesso da solo, come nessun elbano è riuscito a fare, armato solo di cultura, onesta e coraggio e pagando sempre di tasca propria.
Oppure Gino Brambilla, una vita dedicata a quest’isola che la porta, poi, nei convegni universitari ai quali partecipa pagando, anche lui, di tasca propria. E ci metteremo anche Marcello Meneghin che, non solo non è nato all’Elba, ma neanche ci vive; eppure ha studiato un progetto geniale per risolvere la crisi idrica e lo ha messo a nostra disposizione senza chiedere una lira. Progetto pubblicato su una prestigiosa rivista internazionale. Noi abbiamo bisogno di gente così, non ci interessa dove sono nati.
Per quanto riguarda l’Autonomia noi non l’abbiamo mai concepita come un diritto ad esercitare un potere sul territorio che fosse diverso rispetto a quello che esercitano,a all’interno dell’ordinamento legislativo generale, le altre popolazioni in atre zone del territorio nazionale. Abbiamo chiesto solo che i poteri centrali Stato Regione, nel loro esercizio costituzionale a difesa di un bene nazionale, come è il nostro territorio ( bene dell’umanità, addirittura), non annulli i diritti altrettanto legittimi e costituzionali delle popolazioni locali.

Elba 2000