Quantcast
"CARO ANTONINI SI SBAGLIA" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“CARO ANTONINI SI SBAGLIA”

LA RISPOSTA DEL DIRETTORE DI TENEWS ALLA PROTESTA DEL CONSIGLIERE RIESE

"CARO ANTONINI SI SBAGLIA"

Caro Antonini,
voglio ignorare l’incipit vagamente ingiurioso della Sua lettera, ma devo dire che il tenore severo e arrabbiato della Sua protesta mi sorprende non poco e mi amareggia.
Abbiamo letto e riletto il pezzo cui fa riferimento, e davvero non troviamo traccia di malignità, illazioni, “sassi”, scorrettezze, fango, distorsioni, giochetti.
La invitiamo a rileggerlo, a mente fredda, e con maggior serenità, e potrà convenire con noi: non di cronaca si tratta, ma di analisi (e a mio parere di analisi interessante e ben scritta). Analisi e retroscena non descrivono fatti o eventi, ma cercano di “leggere” la realtà politica, interpretandola, a volte “annusando” il vento per capire che aria tira.
Lei ce lo insegna, dall’alto della sua ventennale e complessa esperienza politica: disegni, ambizioni e strategie sono i normali “ferri del mestiere” di chi fa politica, e non strumenti diabolici. AttribuendoLe l’ambizione di “ritagliarsi uno spazio importante” per il 2006 non la accusiamo di niente, semmai le riconosciamo un disegno, un’iniziativa, le assegniamo un ruolo di protagonista che potrebbe perfino farLe piacere. In definitiva facciamo un riconoscimento al suo ruolo e alla sua azione di politico, nonché alle motivazioni che la ispirano, la cui bontà qui non è minimamente in discussione.
Correttezza di rapporti fra chi la politica la fa, e chi per “mestiere” la racconta, la spiega, e qualche volta la commenta, dovrebbe indurLa ad un analogo riconoscimento sula bontà delle nostre motivazioni e sulla lealtà delle nostre analisi (che non vuol dire esattezza).
Lei se vuole potrà (può) contestare gli elementi che fondano la nostra analisi, o il contenuto delle nostre previsioni. Noi siamo pronti a prendere atto delle sue smentite dando il massimo dello spazio alle sue ragioni.
La invito però a non attribuirci affiliazioni a consorterie politiche o “giochetti” di qualche tipo, anche perché finora è stata la realtà della nostra (piccola) storia editoriale a smentire le accuse di questo tipo, nelle rare occasioni in cui ci sono state rivolte.
Ricambio gli auguri di buon lavoro, e La saluto con immutata amicizia e stima.

Paolo Chillè