LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

TAVOLA ROTONDA DELL’ASSOCIAZIONE FORENSE ELBANA SULLE PIÙ RECENTI RIFORME DEL PROCESSO CIVILE

LE MODIFICHE CHE LA LEGGE 80 INTRODURRA' DA SETTEMBRE NEL CODICE DI PROCEDURA CIVILE AL CENTRO DEL CONVEGNO DEGLI AVVOCATI ELBANI

TAVOLA ROTONDA DELL’ASSOCIAZIONE FORENSE ELBANA SULLE PIÙ RECENTI RIFORME DEL PROCESSO CIVILE

Si è parlato delle ultime modifiche apportate al codice di procedura civile dalla legge 80 del 2005 che entrerà in vigore dal prossimo mese di settembre, nel corso della Tavola Rotonda che si è tenuta nella saletta delle conferenze della Linguella a Portoferraio, lo scorso fine settimana, con l’organizzazione dell’associazione forense Isola d’Elba.
Un appuntamento atteso dagli avvocati elbani soprattutto in vista delle numerose novità che riguarderanno a breve le nuove forme del processo civile in Italia.
Relatori d’eccezioni il Prof. Avv. Giuliano Scarselli, docente di diritto processuale civile presso l’università degli studi di Siena, l’avv. Roberto Napoleoni ed il dott. Franco Pastorelli giudice togato presso il Tribunale di Livorno. Affrontato il tema delle modifiche al processo di cognizione, dei procedimenti cautelari e delle numerose novità tecnico pratiche che fra meno di due mesi coinvolgeranno giudici, avvocati e cancellerie.
Secondo il prof. Scarselli la riforma era necessaria “in questo modo il processo dovrebbe risultare più rapido, per consentire di arrivare in tempi brevi al risultato finale. Anche se” ha aggiunto “su alcune disposizioni di difficile intepretazione si potrà fare chiarezza soltanto mettendo in pratica i nuovi disposti normativi”.
“Fra gli obiettivi del legislatore lo scopo deflattivo della riforma, e l’intenzione di valorizzare ove possibile i poteri di libertà della parte (e del suo difensore) rispetto a quelli del giudice…a breve ne vedremo i risultati”.

L.S.