LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

CAPOLIVERI: BALLERINI ALZA IL VELO SUI LAVORI PUBBLICI INCOMPIUTI

“OPERE MAL REALIZZATE, LAVORI INTERROTTI, SOLDI PUBBLICI PERSI, RESPONSABILITÀ DA ACCERTARE”. LA DENUNCIA DEL SINDACO CAPOLIVERESE SULL’EREDITA DELLA VECCHIA AMMINISTRAZIONE COMUNALE NELLA GESTIONE DELLE OPERE PUBBLICHE “TANTO ATTESE QUANTO SPESSO INUTILI E COSTOSE PER LA COMUNITÀ”.

CAPOLIVERI: BALLERINI ALZA IL VELO SUI LAVORI PUBBLICI INCOMPIUTI

Dieci mesi spesi a cercare di capire il senso di importanti scelte amministrative, o il perché di certe opere mal riuscite o addirittura appena iniziate e poi inspiegabilmente bloccate. Un tempo che a qualcuno potrebbe sembrare lungo, ma quando si parla di lavori pubblici come la palestra scolastica, il parcheggio di Zaccarì e la pavimentazione di Via Mellini, si capisce che l’Amministrazione comunale di Capoliveri abbia voluto usare grande cautela prima di esprimersi.
La palestra progettata nel 1995, lavori iniziati nel ’98 ed interrotti da un clamoroso crollo del solaio, per fortuna senza conseguenze, nel dicembre del 2000. Il parcheggio-silos nel cuore del paese iniziato nel 2000 ma subito bloccato, dopo la realizzazione delle strutture in cemento armato, a quanto pare per il fallimento della ditta. La principale via d’uscita dal centro storico pavimentata in bello stile ma trasformatasi dopo pochi mesi in una strada sconnessa e pericolosa al transito. “Tre cantieri aperti e mai chiusi, tre opere progettate e finanziate ma ancora non realizzate, soldi pubblici evidentemente mal gestiti” dice Ballerini.
“La gente di Capoliveri attende risposte”, dice il Sindaco: “Il crollo del tetto della palestra a suo tempo ha provocato rabbia e sconcerto al solo pensiero di cosa avrebbe potuto succedere. La cattedrale di cemento nel deserto di Zaccarì grida vendetta dal punto di vista estetico ed ambientale, Via Mellini è la ciliegina sulla torta di un trittico di opere all’insegna dell’inefficienza. Eppure, tutto era stato pensato per migliorare l’immagine e la vivibilità del ricco borgo elbano: una bella e funzionale palestra con tanto di parcheggio soprastante, una struttura pensata per risolvere in maniera moderna l’annoso problema dei parcheggi nel centro storico, una via pavimentata in maniera elegante. Questi erano i progetti”.