Quantcast
CONSIGLIO REGIONALE : PROVENZALI RESTA FUORI - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

CONSIGLIO REGIONALE : PROVENZALI RESTA FUORI

UFFICIALIZZATA IERI LA COMPOSIZIONE DEL “PARLAMENTINO” DELLA TOSCANA - BARTOLOZZI SCEGLIE IL SEGGIO DI LIVORNO, L’ESPONENTE ELBANO DI FORZA ITALIA E’ DUNQUE TAGLIATO FUORI.

CONSIGLIO REGIONALE : PROVENZALI RESTA FUORI

Non ne è rimasto nemmeno uno, dei sessantacinque posti disponibili in Regione per Leopoldo Provenzali, già vice presidente dello stesso Consiglio Regionale della Toscana nella passata legislatura , ma soprattutto esponente di spicco di quel centro destra elbano che ha comunque dimostrato di essere in maggioranza in sei comun i su otto all’ultimo appuntamento elettorale del 3 e 4 aprile scorsi.
La notizia è abastanza clamorosa e si presta a diverse interpretazioni. Questi, comunque, i fatti da cui dedurre tutto il resto.
E’ stata ufficializzata proprio ieri, con la trasmissione da parte della Corte d’Appello di Firenze degli elenchi dei nuovi consiglieri eletti sia direttamente che come candidati circoscrizionali, la composizione del nuovo Consiglio Regionale della Toscana, ufficializzando nello stesso tempo la data del primo consiglio della legislatura.
Giovedi 5 maggio dunque la prima seduta con l’insediamento di tutti gli iscritti nei loro pieni poteri, ma anche, nello stesso termine di tempo, la possibilità di comunicare da parte degli eletti eventuali dimissioni o scelte alternative di collegio nel caso di doppia elezione.
Non è questa però per Provenzali l’ultima spiaggia, perché l’esponente elbano di Forza Italia, pur secondo nel listino del suo partito dietro all’ex europarlamentare Bartolozzi, resterà comunque escluso in quanto lo stesso Bartolozzi sceglierà di rappresentare proprio il collegio livornese rispetto all’altro collegio di Firenze dove risultava ugualmente eletto, per favorire l’ingresso in consiglio di Angelo Pollina, secondo di lista a Firenze, elemento molto vicino al coordinatore regionale Dennis Verdini.
Provenzali paga dunque i suoi contrasti con lo stesso Verdini? Sembrerebbe di sì, anche alla luce non solo dell’ultima campagna elettorale ma soprattutto degli esiti delle amministrative del 2004.
Non tutto è perduto , però, per l’esponente elbano del centro destra. Provenzali, ex democristiano, potrebbe ancora rientrare in un estremo incrocio di poltrone che porterebbe Claudio Scajola, ministro forzista appena promosso alle Attività Produttive e titolare di un seggio al Parlamento Europeo, alle dimissioni da Bruxelles liberando il suo seggio per lo stesso Bartolozzi e quindi facendo ricomparire una poltrona a Palazzo Panciatichi proprio per Provenzali.
Fantapolitica o quasi, anche se proprio la politica ci ha insegnato che ci si deve sempre attendere tutto e il contrario di tutto nel giro di poche ore. Resta da vedere, però, se Provenzali nel frattempo accetterà di restare al suo posto, all’interno di quella Forza Italia decisamente ingrata nei suoi confronti, o se sceglierà di indirizzare altrove la sua esperienza ed il proprio impegno politico.